Emanuela Orlandi, i dubbi degli inquirenti: «Ossa vecchie, difficile sia lei»

​Ossa Nunziatura, tramonta l'ipotesi che siano di Emanuela Orlandi: attesa per gli ultimi test
ARTICOLI CORRELATI
di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Le ossa ritrovate in nunziatura difficilmente sono quelle di Emanuela Orlandi. Ora si tratta di attendere gli esami per stabilire con precisione la datazione dei resti ritrovati nelle scorse settimane nella sede della Nunziatura apostolica a via Po. Esami che partiranno il prossimo 30 novembre per essere sottoposti all'esame del Carbonio 14 che permetteranno di scoprire con precisione l'epoca a cui risalgono.

LEGGI ANCHE Chi l'ha visto, ossa in Vaticano: non solo Orlandi, il (doppio) giallo di Alessia e Magdalena

Gli investigatori stanno anche cercando di prelevare dalle ossa un codice genetico da potere comparare anche con quelli di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, le due giovani scomparse a Roma nel 1983 e mai ritrovate. Sulla vicenda la procura ha aperto un fascicolo in cui si ipotizza il reato di omicidio. Cresce l'attesa intorno ai risultati delle analisi tra indiscrezioni e smentite. Il lavoro continua. Le ossa, come dicono gli investigatori in gergo, «non hanno ancora parlato».
 
Mercoledì 21 Novembre 2018, 17:49 - Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP