Condannato il giovane somalo che dirigeva il campo profughi in Libia: responsabile di omicidi, stupri e violenze

Osman Matammud, 23 anni, nella gabbia della Corte d'Assise (Fotogramma)
di Angela Calzoni

Torture e stupri su decine di persone sequestrate nel campo di Bani Whalid, 150 chilometri sud-est di Tripoli, in Libia. Migranti legati e picchiati a morte se le loro famiglie non pagavano settemila dollari per permettere loro di proseguire il viaggio verso l’Europa. Violenze di ogni tipo, abusi, torture, come sacchetti di plastica fatti sciogliere lentamente sulla schiena dei profughi.

È stato condannato all’ergastolo Osman Matammud, 23 anni, somalo, arrestato un anno fa dopo essere stato riconosciuto da un gruppo di rifugiati nel centro di via Sammartini: «È lui». Per le 17 vittime che hanno raccontato la loro storia agli inquirenti, il 23enne era a capo del campo abusivo e lo gestiva come un vero e proprio lager. Il pm Marcello Tatangelo nella sua requisitoria lo aveva definito «un sadico, uno che si diverte a torturare e a uccidere». Il procuratore aggiunto Ilda Boccassini, che aveva raccolto lo sfogo di alcune giovanissime, ha detto che nella sua carriera non aveva «mai visto un orrore simile».

Oltre al carcere a vita, i giudici della Corte d’Assise hanno inflitto al somalo anche l’isolamento diurno per tre anni. Il 23enne è rimasto impassibile alla lettura della sentenza, mentre il suo avvocato, Gianni Carlo Rossi, ha annunciato il ricorso in appello, ribadendo che «è innocente». Il legale in aula aveva spiegato che Matammud è «un migrante come gli altri», a sua volta vittima di violenze e pestaggi, e che era arrivato in Italia su un barcone per raggiungere la famiglia in Germania.

Soddisfazione da parte degli avvocati di parte civile: per Paolo Carrino, legale di sei delle vittime, «è sempre triste quando un giovane viene condannato all’ergastolo, ma abbiamo avuto una lezione di civiltà da questi ragazzi, che invece di vendicarsi da soli si sono rivolti alla giustizia italiana». Dopo la sentenza, circondati dalle telecamere fuori dall’aula, le vittime hanno ringraziato le istituzioni italiane: «Siamo felici, finalmente abbiamo avuto giustizia».
Martedì 10 Ottobre 2017, 23:30 - Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre, 00:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-11 12:59:45
A vvedi te, quando si tratta di clandestini che vengono torturati violentati e ricattati , i giudici sentenziano l´ergastolo. quando si tratta di crimini da parte dei clandestini verso gli italiani e verso la societá civile , al massimo na ramanzina. Sign. Paolo Carrino lezioni di civiltá le danno gli italiani che continuano a sopportare questa sceneggiata italica boldrinica, giudici e politici che fanno a gara di buonismo per accattivarsi la presidenta della camera e le mazzette dei soliti Soros.

QUICKMAP