Gran Sasso, salvati e multati: in 5 vanno a sciare e si perdono, scatta contravvenzione da 4mila euro

Domenica 10 Gennaio 2021
Vanno a sciare in montagna e si perdono: salvati dai soccorritori, saranno multati

Brutta avventura per 5 giovani sciatori abruzzesi, che si erano smarriti facendo un fuori pista a Campo Imperatore. I 5 ragazzi, tutti tra i 24 e i 27 anni, quattro del Teramano e uno dell'Aquila, sono stati recuperati nella tarda serata di ieri dal Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese e dalla guardia di finanza. Hanno violato il coprifuoco e saranno multati. Il Centro Turistico del Gran Sasso, la società partecipata del Comune dell'Aquila che gestisce gli impianti di Campo Imperatore, chiusi a causa del Covid, ha annunciato che farà pagare i costi dell'intervento di soccorso. Il conteggio sarà definito a breve ma come dice l'amministratore, Dino Pignatelli: «Saranno almeno 3-4 mila euro».

Al gruppo verranno addebitate le corse straordinarie della funivia (un paio, da 450 euro l'una), più i costi del gasolio utilizzato per i mezzi di soccorso e le ore di straordinario del personale.

A questo si aggiungeranno le conseguenze per aver violato le norme anti-contagio: i quattro teramani, infatti, sono usciti dal loro comune di residenza in un giorno di zona arancione, quando ciò era dunque vietato. 

I 5 giovani, 2 con gli sci e 3 con gli snowboard, erano partiti da Campo Imperatore, raggiungendo con la funivia la vetta, a quota 2.100 metri, poi sono scesi in fuoripista fino a Valle Fredda. Successivamente i 5 escursionisti hanno scelto di attraversare la piana di Campo Imperatore per poi risalire alla Fossa di Paganica, ma a causa della scarsa visibilità hanno perso l'orientamento. 

Turista romana cade sul Gran Sasso, salvata dall'elicottero del 118

I due sciatori hanno allertato con i loro telefonini i soccorsi, chiamando i vigili del fuoco, che a loro volta hanno avvisato i carabinieri, che hanno attivato il protocollo dei soccorsi in montagna: richiedendo l'intervento del Soccorso Alpino e Speleologico, contemporaneamente hanno dato il loro contributo anche gli operatori del Centro Turistico del Gran Sasso. L'operazione di salvataggio è stata condotta insieme alla prefettura dell'Aquila.

Gran Sasso, non solo sci: arriva il Festival della montagna

Proprio da Campo Imperatore è partito il gatto delle nevi,  con a bordo un tecnico del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e un finanziere, mentre altri tecnici del Cnsas hanno seguito le orme del mezzo da neve con gli sci da alpinismo. Fortunatamente gli sciatori escursionisti, in contatto telefonico con i soccorritori, sono stati ritrovati in salute seppure infreddoliti, caricati sul mezzo e riportati a Campo Imperatore e poi alla base con una corsa speciale della funivia.

 

Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA