Estate, riusciremo ad andare in vacanza? Ecco perché dovremo aspettare i dati di maggio

Giovedì 28 Gennaio 2021 di Lorena Loiacono
Estate, riusciremo ad andare in vacanza? Ecco perché dovremo aspettare i dati di maggio

L'estate 2021 è appesa a un filo, anzi a due. E prima di fine marzo sarà difficile poter programmare le vacanze. Le incognite che incombono sulla prossima estate riguardano infatti due aspetti fondamentali della pandemia con cui dover, necessariamente, fare i conti: i vaccini e le varianti del virus che, stando ai dati che arrivano soprattutto dal Brasile e dal Regno Unito, non fanno dormire tranquilli agli esperti.

«Mappe di un mondo nuovo», dialoghi sul futuro con i giovani talenti del Teatro della Toscana

Manfredi: “Covid? Da Università reazione straordinaria, mi auguro rientro in aula a febbraio”

A fine marzo i risultati del lockdown 

«Ci aspettiamo una tendenza di miglioramento visibile già da fine marzo quando – spiega il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano – mantenendo l'attuale tipologia di lockdown, dovremmo contare la metà dei casi che vediamo oggi. Ma possono insinuarsi nuovi elementi di cui tenere conto. Innanzitutto la disponibilità dei vaccini».

Palestre e stadi, Pregliasco: «Sì al certificato vaccinale per riaprire e volare»

Vaccini fondamentali, a maggio primo step

Secondo il cronoprogramma della campagna vaccinale, infatti, per maggio in Italia dovrebbe essere raggiunta la copertura del 20-30% della popolazione, tra soggetti fragili e con co-morbillità, interessati quindi da altre patologie a rischio. «Se tutto resta confermato – continua Pregliasco – a quel punto avremo un netto calo di ricoveri e contagi, oltre che di decessi ovviamente. Potremmo avere respiro ricordandoci però sempre gli errori commessi nell'estate scorsa quando, osservando i comportamenti, sembrava che il virus non ci fosse più».

 

 

Galateo anti-Covid

«Il galateo anti-covid andrà comunque rispettato, anche se si è stati vaccinati. Inoltre, per programmare viaggi all'estero, dovremmo capire la situazione internazionale ma è in continua evoluzione. Bisogna aspettare».

Allerta dosi 

«Se poi dovessimo avere problemi con le dosi di vaccino, allora il discorso si riaprirebbe e cambierebbe del tutto: soprattutto per quel che riguarda le varianti del virus per le quali potrebbe essere necessaria una terza dose di vaccino. Se non arrivano le dosi, non si riesce a fermare il virus».

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA