Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Monterotondo, fabbrica di vernici a fuoco, rischio nube tossica. Il Comune: «Non uscite di casa»

Lunedì 16 Maggio 2022
Monterotondo, incendio nella fabbrica di vernici. Il comune: «Chiudete le finestre»

Allerta a Monterotondo, alle porte di Roma, dove è in corso un importante incendio nella zona industriale (via Leonardo Da Vinci n 61) presso l'azienda Setra Vernici Srl che si occupa della produzione di vernici. 

Le fiamme sono divampate poco prima delle 13, la colonna di fumo nero e le fiamme alte sono visibili da diverse parti della città. Sono intervenute squadre dei vigili del fuoco, Carabinieri e Protezione Civile. Attualmente l'incendio è sotto controllo, ma sono ancora in corso le operazioni di spegnimento e non è possibile prevedere tra quanto sarà possibile domare il fuoco. Una persona è rimasta leggermente ferita a una mano e il titolare della ditta lievemente intossicato. 

Via Leonardo Da Vinci è chiusa al traffico e sono stati evacuati alcuni stabili nelle zone limitrofe. La protezione civile raccomanda di non recarsi sul posto per non ostacolare le operazioni di spegnimento. 
 

 

Rischio nube tossica, in corso valutazioni di Arpa Lazio 

C'è preoccupazione per la nube di fumo nero che si è concentrata sopra la città e che potrebbe contenere sostanze inquinanti in grado di ricadere a terra. A questo proposito si attendono i risultati delle valutazioni di Arpa Lazio sulla qualità dell'aria: «Nell'attesa della valutazione delle autorità competenti, raccomandiamo alla cittadinanza di attenersi alle raccomandazioni del sindaco Riccardo Varone che ha emanato un'ordinanza d'urgenza in proposito» ha spiegato Marco D'Angelo, Presidente della Protezione Civile Monterotondo.  

 

«Tenere chiuse le finestre e spegnete i condizionatori»

Nel frattempo il sindaco Riccardo Varone ha firmato un'ordinanza urgente disponendo misure cautelative per la popolazione. Nell'ordinanza si raccomanda ai residenti «Di mantenere la chiusura di porte e finestre delle abitazioni e delle attività commerciali, industriali e di servizi, al fine di prevenire un possibile passaggio di inquinanti, compresi gli impianti di areazione forzata (condizionatori ed impianti di aria condizionata) fino a cessato allarme»

Rischio inquinamento: vietato raccogliere e consumare frutta e verdura 

Il comune ha inoltre vietato di svolgere attività all’aperto, comprese manifestazioni, attività ludiche, attività sportive in genere ed altri eventi programmati all'aperto, nonché la frequentazione di spazi all’aperto da parte di animali domestici; di esporre prodotti alimentari fuori degli esercizi di vendita; la raccolta ed il conseguente consumo di frutta e verdura presso orti domestici e aziende agricole;
 

Allerta anche nei comuni vicini 

Anche il Sindaco Riccardo Travaglini del vicino comune di Castelnuovo di Porto ha diffuso un comunicato raccomandando di tenere chiuse porte e finestre delle abitazioni e di evitare di uscire all'aperto fino a cessata emergenza. Particolare attenzione viene richiesta nei quartieri che si trovano vicino al comune di Monterotondo e al luogo dell'emergenza in particolare la frazione di Ponte Storto, l’abitato di Colle Verde, le Località Tre Pontoni, Monte Tufello e Via di Valle Lunga. 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 09:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA