Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fabio Ridolfi chiede il suicidio assistito: «Lo Stato mi aiuti a morire»

Mercoledì 18 Maggio 2022
Fabio Ridolfi chiede il suicidio assistito: «Lo Stato mi aiuti a morire»

«Gentile Stato italiano, da 18 anni sono ridotto così. Ogni giorno la mia condizione diventa sempre più insostenibile. Aiutami a morire». Questo l'appello di Fabio Ridolfi, 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino), da 18 anni immobilizzato a causa di una tetraparesi da rottura dell'arteria basilare. Può muovere solo gli occhi e comunica attraverso un puntatore oculare.

 

Assistito dall'Associazione Coscioni, si è rivolto all'Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) Marche che, in seguito alla giurisprudenza creata dai casi di 'Mariò e Antoniò, ha attivato le verifiche previste dalla sentenza della Corte Costituzionale Cappato/dj Fabo.

Ultimo aggiornamento: 22:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA