Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fabrizio, morto sulla Colombo a Roma. Il Papa telefona alla mamma: «Non è uno scherzo»

Mercoledì 29 Luglio 2020 di Laura Bogliolo
Fabrizio, morto sulla Colombo a Roma. Il Papa telefona alla mamma: «Non è uno scherzo»

«La mattina mi ha chiamata un'amica dicendomi che era Sant'Anna, la festa della santa protettrice di tutte le mamme». Il pomeriggio il telefono ha squillato di nuovo. «Pronto Cinzia? Sono Papa Francesco...». Cinzia Desiati è la mamma di Fabrizio Di Bitetto, un giovane di 21 anni che nell'ottobre del 2019 ha perso la vita in uno stramaledetto incidente stradale sulla Cristoforo Colombo. Mamma Cinzia aveva scritto una lettera al Pontefice, ma mai avrebbe pensato di ricevere quella telefonata. «Mi ha dato tanta serenità parlare con Francesco, è come se mi avesse accarezzata e quella carezza, lo so, ne sono sicura, in realtà è di mio figlio, l'ho sentito, non ho dubbi».

LEGGI ANCHE Strade killer, la lunga scia: 27 morti 

Era da almeno tre giorni che Cinzia riceveva telefonate da un numero privato. «Non ho mai risposto perché avevo tante cose da fare» dice al Messaggero. Dietro quei numeri di telefono indecifrabili c'era il Pontefice. «Ma domenica ho deciso di rispondere ed è stato un colpo al cuore». Inizialmente ha pensato che fosse uno scherzo. «Il Papa mi ha detto: Lo so, tutti quelli che chiamo mi dicono la stessa cosa». Lei è una mamma battagliera, non si arrende mai e su Facebook ha creato il Gruppo Insieme per Fabrizio. Perché al dolore della morte di un figlio, si aggiunge la rabbia per ottenere giustizia, un percorso non facile, soprattutto dopo il blocco dei Tribunali a causa del coronavirus. La famiglia vuole sapere cosa è accaduto dalle 23.30 all'1.30 del 5 ottobre del 2019.

LEGGI ANCHE Roma, ennesimo incidente dove morì Elena Aubry

«Fabrizio e i suoi amici non sono mai arrivati in quella discoteca a causa di un incidente stradale dove mio figlio è stato strappato alla vita troppo presto e ingiustamente visto che la sua unica colpa è stata quella di essere un passeggero a bordo di quella maledetta automobile» scrive su Facebook. Il quotidiano Interris.it fondato da don Aldo Buonaiuto ha raccontato per primo la storia di Cinzia che ha spazzato via ogni dubbio quando papa Francesco le ha detto: «Ho qui davanti la sua lettera e la foto di Fabrizio». Allora ha capito che era davvero il Santo Padre. «Come sta? Come sta suo marito?» le ha chiesto. E Cinzia, come sempre, ha detto la verità: «Dopo la morte di Fabrizio si è allontanato dalla religione» ha detto. Papa Francesco ancora una volta ha stupito i cuori spezzati: «Ci ha detto che lo capiva, non lo ha condannato: è stato un papà comprensivo verso un altro papà che ha perso il figlio». Poi la promessa: «Appena riprenderanno le udienze ci abbracceremo». Cinzia ha detto che prega per il Papa e lui ha risposto: «Grazie». La mamma di Fabrizio continua a combattere, ha lanciato la petizione Fermiamo gli omicidi stradali: «Sono pronta a scalare le montagne, è Fabrizio che mi dà la forza, devo salvare vite».
 

Ultimo aggiornamento: 20:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA