Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Faida dei trapper, il ruolo di Sara: la ventenne "spia" che ha fatto accoltellare il pugile della gang rivale

Domenica 31 Luglio 2022
Faida dei trapper, il ruolo di Sara: la ventenne "spia" che ha fatto accoltellare il pugile della gang rivale

Nella faida tra le bande dei due trapper Simba La Rue e Baby Touché, a ricoprire un ruolo importante c'era anche una giovane donna. Si tratta della ventenne Sara Ben Salha, nata a Monza ma cresciuta a Verderio, nel lecchese, fidanzata con Caster5star, all'anagrafe Dago Fabio Carter Gapea, 25enne della crew di Simba. Una faida tenuta tra Padova, territorio di Touché, e Lecco, territorio di Simba, con la giovane Sara che avrebbe trascinato nella 'tana del leone' Akrem Ben Haj Aouina, fratello di Yussem membro del gruppo di Baby Touché.

Blitz a Milano, 9 arresti per le violenze tra le bande dei trapper. Il video dei carabinieri

Come scrive Marina Lucchin sul quotidiano Il Gazzettino, a inizio anno alcuni fedelissimi di Simba La Rue hanno trovato Baby Touché fuori da una discoteca: «Dietro il telefono sono un leone», lo schernivano, dopo averlo accerchiato, il tutto ripreso con lo smartphone. Poi la guerra: il 30 gennaio il ritorno a Milano e il nuovo scontro con sassi e bottiglie, con Simba che rimane ferito. Nei giorni successivi le minacce via TikTok: «So dov’è tua mamma» dice Simba. «È la seconda volta che ci vediamo a Milano, vieni qui a Padova» incalza Touchè.

Il 14 febbraio però è Caster5star ad andare a Padova: i seguaci di Touché lo accerchiano, lo picchiano e lo accoltellano. Il 1 marzo, la vendetta, ad opera di Sara, fidanzata di Carter e 'infiltrata' di Simba, che porta Akhrem in un locale in zona Porta Nuova e gli tende un agguato. Il giovane pugile, arrivato in Italia nel 2015 con un barcone e che sognava le Olimpiadi, viene accoltellato a una gamba e picchiato.

 

La ragazza, secondo gli inquirenti, sarebbe stata una vera e propria 007 del gruppo: ma la beffa, per il povero Akhrem, è che lui era stato l'unico a cercare di difendere Carter5star dal pestaggio a Padova. Pensava di andare a Milano e uscire con una ragazza, ma invece si stava solo infilando in una trappola a opera della fidanzata del suo rivale: un rivale che aveva pure difeso. Una delle tante parentesi assurde, di una storia che probabilmente non ha ancora detto tutto.

Ultimo aggiornamento: 16:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA