Farmacista rifiuta di fare i tamponi ai No vax: «Mio padre tra le bare portate dall'esercito»

Venerdì 5 Novembre 2021
Bergamo, la farmacista che non fa i tamponi ai no vax: "Mio padre tra le bare portate dall'esercito"

La dottoressa Cristina Longhini, ospite a "Dritto e Rovescio", racconta la sua esperienza da farmacista in prima linea per la lotta alla pandemia. La sua è una posizione ben chiara nei confronti dei No vax: figlia di una della vittime Covid trasportate nel marzo del 2020 dai mezzi dell'esercito, la farmacista rifiuta di fare il tampone a chi è renitente all'iniezione. «Io farò i vaccini ma non i tamponi», dice decisa a Paolo Del Debbio.

Farmacista contro i no vax: «Le persone hanno paura»

Suo padre è morto il 19 marzo 2020, il suo corpo era tra quelli trasportati dai mezzi dell'esercito a Bergamo. «Mio padre era tra le bare portate dall'esercito. Dieci giorni di agonia, non c'era un'ambulanza, abbiamo fatto appelli sui social di tutti i tipi, abbiamo trovato l'unico medico che è venuto a visitarlo», «è stato portato in ospedale, 10 giorni dopo è morto», dice la farmacista. «Mi sono posta come farmacista vaccinatrice, ma non mi sono presa la briga di fare i tamponi perché non vogliamo sottoporci a una valanga di persone potenzialmente positive».

 

 

Ancona, il Covid uccide due no-vax e un anziano con una sola dose. Quattro bimbi positivi, uno è in rianimazione

«Per questo - continua la dottoressa - ho deciso di fare solo i vaccini, negli ultimi tempi tutti quelli che volevano un tampone avevano un'aggressività unica. Ci dicevano: "tu devi farmi un tampone perché io il lavoro non voglio perderlo". La mia scelta dunque deriva dal fatto che subire tutta questa rabbia e questo odio fa male. Le persone hanno paura di quello che non conoscono. La maggior parte non hanno capito come funziona e agisce il vaccino e quindi hanno paura di cose insensate». 

 

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA