Fidanzati uccisi a Lecce, il cappellano incontra l'assassino: «Stanco e pentito, non sembra un mostro»

Mercoledì 7 Ottobre 2020 di Valeria Blanco
Fidanzati uccisi a Lecce, il cappellano incontra l'assassino: «Stanco e pentito, non sembra un mostro»

Si sono incontrati per la prima volta venerdì mattina. Don Sandro d'Elia, il cappellano del carcere di Borgo San Nicola, ha voluto portare, secondo quella che è la sua missione, un rosario e una parola di conforto ad Antonio De Marco, il 21enne studente di Scienze infermieristiche che ha confessato di essere lui l'assassino di Daniele De Santis e della compagna Eleonora Manta.

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 21:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA