Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Firenze, «Il caffè costa troppo» e chiama i vigili: maxi multa per il bar

Lunedì 16 Maggio 2022
Firenze, «Il caffè costa troppo» e chiama i vigili: maxi multa per il bar

«Questo caffè costa troppo». Così è iniziata la lite che ha portato, nei suoi sviluppi, a una maxi multa per il bar in Sant'Ambrogio a Firenze. Il decaffeinato amaro, servito dalla Ditta Artigianale a un cliente è costato carissimo al locale. Il cliente, indispettito per il costo, a detta sua, troppo alto, ha deciso di chiamare la polizia municipale visto che il prezzo non era esposto, ma solo presente nel menù digitale. 

 

Leggi anche > Firenze dei bambini 2022, un weekend di festa: oltre 400 attività per tornare a vivere la città

 

 

Per questo motivo il bar ha ricevuto una multa da mille euro. La videodenuncia social arriva proprio dallo stesso titolare del locale, Francesco Sanapo, più volte campione italiano di caffetteria. Nel suo video su Facebook il titolare spiega l’accaduto chiarendo come il decaffeinato servito provenisse da una piccola piantagione del Chiapas ed era stato preparato secondo i metodi di estrazione di Ditta Artigianale. Oltre a chiarire la vicenda, Sanapo ha inoltre criticato il fatto che il mondo del caffè italiano sia fermo e di come si dovrebbe ripartire puntando sulla qualità. 
 

«Mi hanno fatto una multa perché hanno pagato il mio espresso 2 euro - si sfoga nel video -. E la mia non è una polemica nei confronti della sanzione, sarà chi di dovere a chiarire eventuali responsabilità. Ma non può passare questo messaggio: ancora oggi, una persona si indispettisce se paga due euro un decaffeinato (processo di estrazione ad acqua) di una piantagione messicana preparato con molta professionalità dai miei baristi. Ci si può infastidire così tanto da mobilitare una pattuglia della polizia municipale costretta ad intervenire e trovarci in errore, in quanto non esponevamo il prezzo del decaffeinato sul menu esposto dietro banco, presente però nel menu QR code? Credo che con tutto quello che oggi si somministra nei bar questa legge ha tanto dell’assurdo e andrebbe cambiata, altrimenti il 99,9% di bar e ristoranti sarebbero facilmente in errore».

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 12:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA