CORONAVIRUS

Focolaio di Treviso. Patrice, il migrante diplomato: «Stessi bagni, stessa mensa, temo ci ammaleremo tutti»

Domenica 9 Agosto 2020 di Elena Filini
Focolaio di Treviso. Patrice, il migrante diplomato: «Stessi bagni, stessa mensa, temo ci ammaleremo tutti»

CASIER «No, non sto bene. Siamo tutti insieme. Positivi e negativi. Ma cosa possiamo fare? Niente». Risposte monche. E faticose. Che traducono il morale sempre più basso. Da giorni Patrice Kouame, 37 anni, l'ivoriano che ha commosso l'Italia con la brillante maturità all'istituto tecnico Giorgi-Fermi e la voglia di iscriversi alla facoltà di ingegneria, ripete che questa situazione è insostenibile. «Ci ammaleremo tutti. È troppo pericoloso» aveva affermato solo una settimana fa. E alla fine ha avuto ragione lui. I contagi sono schizzati, i ragazzi chiedono risposte. Hanno paura. «Io mi sento in forze, ci hanno detto che comunque non rischiamo e che quando finiremo al quarantena staremo tutti bene. Ci hanno tranquillizzato, ma perché dobbiamo stare tutti insieme qui dentro? Perché in queste condizioni?». Tensione e delusione, nelle lunghissime ore di attesa snervante. Sempre col chiodo fisso in testa. «Siamo ammalati o no? Saremo curati? Peggioreremo?». A questo pensano i richiedenti asilo in quarantena a Dosson. 

LA STORIA
Patrice è uno con la testa sulle spalle. Arrivato in Italia dopo un viaggio lunghissimo e inenarrabile, oggi ha le idee chiare. Vuole per sé un futuro di dignità e lavoro. È sempre stato un ragazzo posato, attento soprattutto a integrarsi e migliorarsi. Ha studiato in mezzo a moltissime difficoltà, non ha neppure avuto la soddisfazione di sostenere l'esame di maturità in presenza perché già iniziavano i casi di positività all'ex Serena. E ora si dice preoccupato. E anche sfiduciato. Perché tutto quello che si era costruito in anni di lavoro rischia di svanire. «È' già la seconda quarantena. È chiaro che qui in caserma ci si infetta più facilmente. Le persone sono rispettose, usano le mascherine. Ma siamo troppi in troppo poco spazio». 

I TIMORI
Per Patrice la posta in gioco è alta. Il giorno in cui alla caserma Serena è stata dichiarata la quarantena aveva un importante colloquio di lavoro. È saltato tutto. I pochi negativi (Patrice era all'epoca tra loro) avevano chiesto di essere separati dai compagni positivi. E questo sembrava in un primo tempo possibile, ma poi è andata diversamente. «Mangiamo insieme, usiamo gli stessi bagni. Come si fa?». Oggi si rifanno i conti: la situazione è precipitata. E anche l'umore degli ospiti. Ufficialmente Patrice non ha ancora ricevuto il responso personale del tampone, ma i numeri diramati dall'Usl parlano abbastanza chiaro. «Quello che ci è stato detto è che ci sono aspetti positivi ma non causano la malattia, dopo pochi giorni di quarantena la malattia passerà, mi sento in gran forma ma a forza di pensare siamo sempre più malati, molte persone hanno perso il lavoro, è davvero difficile quello che stiamo attraversando ora». Al pensiero per la malattia si assommano le condizioni in cui i ragazzi vivono all'interno della caserma. 

LA CONVIVENZA
Patrice sul punto preferisce non esporsi ma altri ospiti hanno chiarito che la struttura è sempre meno curata, la promiscuità molta, i bagni malfunzionanti, le tubazioni si rompono e si allaga tutto. Oltre ai troppi ammassamenti, come dimostra l'escalation del contagio. Oggi Treviso è il primo focolaio d'Italia. Triste primato vissuto con angoscia dagli ospiti dell'hub. «Non riusciamo a capire chi ha il coronavirus perché nessuno sta veramente male - aggiunge Mohammed - cerchiamo di fare le nostre cose come sempre, è bruttissimo essere chiusi qui dentro ma soprattutto chiedersi se domani ci ammaleremo e se peggioreremo. Siamo troppi nelle stanze, troppi nei bagni, troppi nella sala mensa». Anche Mohammed è arrivato in Italia con un sogno nel cassetto: anche lui sta bruciando le tappe della lingua e dell'inserimento. E anche lui si sente vittima di questa situazione. «Io non sto male. Sono ancora negativo. Ma stanno riprocessando alcuni tamponi. Quindi dobbiamo attendere».

Ultimo aggiornamento: 13:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA