Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gabriella Carsano, morta la “mamma-nonna” a cui tolsero la figlia perché “inaffidabile”

Sabato 30 Luglio 2022
Gabriella Carsano, morta la mamma-nonna a cui tolsero la figlia perché inaffidabile

È morta nei giorni scorsi dopo una grave malattia, a 69 anni, Gabriella Carsano, la mamma a cui nel novembre del 2011 venne tolta la figlia di due anni secondo una decisione del Tribunale dei minori di Torino. La piccola era stata concepita attraverso la fecondazione artificiale quando la donna era 56enne e il marito, Luigi Deambrosis, 68enne.

Belluno, muore a 2 anni dopo il pomeriggio al parco giochi: il dramma davanti al papà

 

 

Tutto iniziò con la denuncia dei vicini di casa

I due vivevano in un paese del Casalese (Alessandria) e la vicenda aveva avuto inizio con una denuncia dei vicini di casa, secondo cui la figlia, quando aveva pochi mesi, era stata lasciata sola in auto durante una breve commissione. La lunga vicenda giudiziaria aveva avuto varie tappe e alla fine i due genitori, Gabriella e Luigi, furono assolti dall'accusa di inadeguatezza genitoriale e abbandono, ma nel frattempo la bimba era stata data in affidamento e nel 2018 l'adozione della piccola era diventata definitiva. Per questo motivo la coppia non ha mai più riavuto la propria bambina e la loro battaglia fu persa nonostante l'accusa si fosse rivelata infondata.

Il vedovo accusa gli assistenti sociali

«Ho solo una cosa da dire, l'hanno fatta morire gli assistenti sociali». Risponde così al telefono all'ANSA Luigi Deambrosis, 81 anni, vedovo dopo la scomparsa della moglie, Gabriella Carsano, 69 anni, la donna da tempo malata, a cui nel novembre del 2011 venne tolta la figlia di 2 anni da Tribunale dei minori di Torino. Senza la forza di dire altro, l'anziano aveva usato già in passato poche parole per la vicenda giudiziaria iniziata nel 20211 e che nel 2018 aveva decretato l'adottabilità definitiva per la bambina, che allora aveva 8 anni. «È una sentenza che non si può neanche commentare. Non abbiamo null'altro da dire» erano state le sue parole dopo la pronuncia della Cassazione.

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA