Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il marinaio Gelsomino morto sulla nave, la famiglia: «Non è un suicidio»

Sabato 7 Maggio 2022 di Walter Berghella
Gelsomino morto sulla nave, la famiglia: «Non è un suicidio»

Resta un mistero la morte del marinaio Giuseppe Antonio Gelsomino, 21 anni, di Lanciano, graduato di 2a classe (VFP1), deceduto lo scorso 6 agosto per un colpo di pistola alla testa sulla nave Staffetta ancorata al porto di Brindisi. La procura indagava per istigazione al suicidio ma ora il pm Pierpaolo Montinaro ha chiesto l'archiviazione per suicidio non avendo a supporto forti e diversi indizi probatori. L'avvocato Daniela Giancristofaro, che patrocina la famiglia Gelsomino, chiederà al gip di proseguire le indagini e riaprire il caso. Pronta una corposa memoria difensiva.

Nulla quadra nel fascicolo giudiziario e troppe sono le incongruenze dice l'avvocato Giancristofaro. Il consulente della procura non è riuscito a trovare il pin del telefonino Samsung di Giuseppe ed ha rinunciato all'incarico. Cellulare riconsegnato alla famiglia. Inoltre sulla pistola Beretta calibro 9 neppure l'esame del luminol della scientifica ha fatto esaltare sulle superfici contatti papillari di chi l'ha maneggiata. Fallite pure le indagini dattiloscopiche. E' come se la pistola fosse stata pulita. Per la famiglia Gelsomino, papà Paolo, mamma Daniela, la sorella Giorgia, c'è profonda delusione, anche se almeno le indagini della Marina non sono ancora chiuse».

Nel fascicolo contro ignoti non c'è traccia neppure dei controlli degli ultimi contatti di Giuseppe, gioioso e che aveva progetti di vita, attraverso le celle telefoniche. A mezzanotte e mezza aveva parlato con la mamma, due ore dopo era morto con un proiettile che gli ha trapassato la testa, zona fronto temporale destra uscita a sinistra, con foro di meno di 2 centimetri. Pistola appoggiata alla cute, dal basso verso l'alto con inclinazione del 15%, Giuseppe era marinaio non armato impossibilitato ad accedere all'armadietto delle pistole, aveva un proiettile anche in tasca.

Ultimo aggiornamento: 09:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA