Genova, la prima ipotesi sulla causa del crollo: ​«Così è collassato il ponte Morandi»

Genova, l'ipotesi sulla causa del crollo: «Rottura di uno strallo ha provocato il collasso»
ARTICOLI CORRELATI
1
  • 107
La rottura di uno strallo «è un'ipotesi di lavoro seria». Così Antonio Brencich, docente dell'università di Genova e membro della commissione dei Trasporti e delle Infrastrutture che deve accertare le cause del crollo, ha risposto ai giornalisti a Genova. Brencich ha fatto un breve sopralluogo nella zona del ponte crollato ma non è voluto entrare nel merito del lavoro della commissione. «La voce che gira è che il collasso sia stato attivato dalla rottura di uno strallo ci sono testimonianze e video che vanno in questo senso». 

LEGGI ANCHE Genova, si cercano 10-20 dispersi: 38 le vittime. Dramma sfollati
LEGGI ANCHE Cosa sono gli stralli e quale funzione assolvono nei ponti​

​Che la causa del crollo del ponte di Genova possa essere stata «la rottura di uno strallo è un'ipotesi di lavoro seria ma dopo tre giorni è solo un'ipotesi», ha sottolineato Brencich. Il docente ha invece smentito che possa essere stato un eccesso di carico a provocare il crollo del ponte Morandi: «La pioggia, i tuoni, l'eccesso di carico sono ipotesi fantasiose - ha detto - che non vanno prese neanche in considerazione».
 
Venerdì 17 Agosto 2018, 12:06 - Ultimo aggiornamento: 17-08-2018 19:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-17 13:00:49
Andiamo è chiaro che sono gli stralli;dalle immagini girate in rete subito dopo il crollo ,si vede che manca il pezzo di ponte e il pilone centrale viene giù un po' dopo perchè il pezzo di ponte caduto per la rottura dello strallo non fa più da contrappeso al pezzo di ponte che il pilone tiene dall'altro lato.

QUICKMAP