Genova, droga nel caffè delle colleghe per violentarle: condannato a 12 anni

Mercoledì 23 Febbraio 2022
Genova, offre caffè "drogati" alle colleghe e le violenta: condannato a 12 anni

Offriva caffè "drogati" alle colleghe, poi, una volta stordite, le chiudeva nel ripostiglio e abusava sessualmente di loro. Per questo un uomo di di 44 anni addetto alle pulizie in una casa di riposo per anziani a Genova è stato condannato a 12 anni di carcere accusato di  violenza sessuale aggravata e sequestro di persona su tre donne. 

Il racconto delle vittime: prima il caffè, poi la violenza

A far scattare le indagini dei carabinieri è stata la denuncia delle tre vittime, dipendenti della stessa cooperativa di pulizie dell'aggressore. Secondo quanto emerso l'uomo ha agito durante le domeniche di giugno e luglio, quando le visite ai parenti nella casa di riposo erano ancora interdette a causa delle norme anti-covid. A ciascuna delle vittime l'aggressore ha offerto un caffè "drogato" con del Lexotan - un potente ansiolitico - per poi compiere la violenza nel ripostiglio. In un caso l'aggressore avrebbe consumato un rapporto sessuale completo mentre negli altri due lo stupro è stato tentato perché le colleghe sono riuscite a divincolarsi e a fuggire.

Le indagini hanno confermato l'uso del narcotico

A orientare le indagini dei carabinieri verso il possibile utilizzo di narcotico è stato il racconto delle tre vittime, che hanno riportato tutte le stesse strane sensazioni di stordimento e impotenza. Ulteriori conferme sono arrivate dalla perquisizione, durante la quale l'uomo è risultato in possesso di vari medicinali, tra cui il Tavor e il Lexotan. Infine l'analisi del capello, svolta dal dottor Salamone dell'ufficio Antidoping di Torino, ha  confermato le tracce del narcotico. 

Ultimo aggiornamento: 23:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA