Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giampiero Carvone ucciso a 19 anni per aver "parlato" dopo il furto d'auto, preso il presunto killer

Lunedì 27 Giugno 2022
Giampiero Carvone ucciso a 19 anni per aver "parlato" dopo il furto d'auto, preso il presunto killer

Giampiero Carvone è stato ucciso per un furto d'auto, o meglio, per aver «parlato», aver cioè riferito nell'ambiente della malavita i nomi dei suoi complici, e uno di questi l'ha ammazzato per punizione: la Polizia di Stato di Brindisi, dopo oltre due anni di indagini, è riuscita a risalire all'autore dell'assassinio del diciannovenne Carvone, avvenuto nel rione Perrino il 10 settembre 2019. Il killer sarebbe un 26enne di Brindisi, pregiudicato, attualmente agli arresti domiciliari. All'uomo è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Lecce su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

San Basilio, arresti per droga e scommesse. Spari e traffico di cocaina, fra loro nomi storici del crimine romano

Omicidio Fanella, è caccia ai killer. Il commando venuto da fuori Roma

All'arresto la polizia è giunta grazie anche alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, che hanno contribuito a ricostruire il contesto in cui l'omicidio è maturato: quello della criminalità organizzata e dei codici non scritti che la governano. Il furto dell'automobile, appartenente ad un familiare di un malavitoso locale, non è stato infatti il vero motivo dell'omicidio. Secondo la polizia il giovane è stato punito «in puro stile mafioso per non avere coperto, secondo uno dei principi cardine della codicistica criminale, quello dell'omertà, quelli che da altra parte della criminalità venivano additati come gli autori di uno sgarro che, a prescindere dalle conseguenze, meritava di essere punito». In proposito scrive il Gip che «il ragazzo è stato ucciso per porre fine ad una situazione "scomoda" che per l'autore dell'omicidio poteva trovare soluzione solo con l'eliminazione fisica del giovane Carvone, definito come esuberante e, in quanto tale, non gradito negli ambienti malavitosi nei quali, nonostante tutto, era inserito». Prosegue il Gip affermando che: «Giampiero Carvone muore a causa di un furto d'auto e del successivo danneggiamento della stessa dovuto ad un sinistro stradale, furto perpetrato in danno di persone «sbagliate»; ma muore fondamentalmente per avere fatto «l'infame», avendo riferito ad un uomo di spessore , assai temuto, i nomi dei suoi complici nel furto, tra cui proprio l'«odierno indagato».

Ultimo aggiornamento: 21:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA