Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giancarlo Miotto, il petroliere accusato di stupro dalle colf filippine: «Loro volevano essere pagate e mia moglie lo sapeva»

Il petroliere 80enne racconta la sua verità: "Ma quali violenze? Io in vita mia le donne non le ho mai trattate male. Quei rapporti sessuali erano consenzienti. Anzi loro volevano anche essere pagate"

Lunedì 20 Giugno 2022 di Maria Elena Pattaro
L'hotel Bologna a Mestre e il petroliere Giancarlo Miotto

«Ma quali violenze? Io in vita mia le donne non le ho mai trattate male. Quei rapporti sessuali erano consenzienti. Anzi loro volevano anche essere pagate, mi hanno chiesto schei». Il petroliere Giancarlo Miotto, 80 anni compiuti da poco, racconta la sua verità sulla pesantissima accusa che gli viene mossa da due ex colf: violenza sessuale aggravata. Un reato per cui rischia di andare a processo: la Procura di Treviso ne ha chiesto infatti il rinvio a giudizio. «Non c'è stata nessuna violenza - ribadisce l'anziano imprenditore, per decenni considerato uno dei potenti del Veneto -. Penso che queste due donne si siano messe d'accordo tra loro e con i sindacati». «I rapporti sessuali ci sono stati, è vero: in un paio di casi con una, due-tre con l'altra - ammette l'80enne -. Ci siamo visti anche all'Hotel Bologna (Mestre, ndr). Ma la violenza mai. Loro erano consenzienti. E non le ho mai trattenute con la forza, del resto loro sono più forti di me». La gravità delle accuse e il clamore mediatico hanno creato un'onda d'urto che ha travolto la famiglia del petroliere, che vive a Mogliano, in una sontuosa villa affacciata sul Terraglio, insieme alla giovane moglie e alla loro bimba di appena 7 anni. Dimora teatro di una rapina milionaria lo scorso novembre, quando un commando di quattro banditi, di cui due armati, si era fatto aprire cassaforte e caveau scappando con gioielli, contanti e orologi. «Mia moglie sapeva di questi episodi con le colf - confessa Miotto, al suo terzo matrimonio -. A lei avevo raccontato tutto, ma la ricostruzione emersa in questi giorni non può che farle male anche perché è completamente diversa da come sono andate davvero le cose».

Giancarlo Miotto, il petroliere 80enne accusato di violenza sessuale dalle colf filippine: «Chiuse in stanza e immobilizzate»


LE ACCUSE
Già, perché quelli che Miotto descrive come peccatucci la Procura di Treviso ha rubricato come violenze sessuali ai danni di una 36enne filippina e di una 41enne dello Sri Lanka. In un periodo compreso tra luglio del 2020 e gennaio del 2021. Una delle vittime ha riferito di almeno dieci occasioni in cui è stata costretta a seguire l'80enne in una stanza, dove sarebbe stata palpeggiata e costretta a subire rapporti sessuali. Nudità mostrate con disinvoltura, avances e proposte oscene fino a veri e propri agguati, nelle stanze della villa, che il padrone di casa avrebbe chiuso a chiave, stando ben attento a non attirare l'attenzione di altre persone presenti. Questo il racconto emerso dalla ex dipendente che per prima ha deciso di mettere fine a quell'incubo. La collega ha denunciato invece quattro episodi avvenuti a settembre del 2020 con un copione del tutto simile. E di cui ci sarebbero anche le prove in un video girato da una delle due mentre l'80enne avrebbe abusato della collega. Eppure proprio quel video scagionerebbe l'imprenditore, secondo i suoi difensori, gli avvocati Enrico Ambrosetti ed Enrico Tonolo: «Dalla visione del filmato si vede chiaramente che non c'è stata violenza». Stando a quanto raccontato dalle colf, l'imprenditore le avrebbe ricattate: se si fossero rifiutate di accettare le sue avances, infatti, non avrebbero visto lo stipendio. Esasperate da quegli atteggiamenti si erano licenziate e, non ricevendo il saldo delle ultime buste paga, si erano rivolte ai sindacati. Le due donne, messe in contatto con i legali del sindacato, avevano deciso di denunciare Miotto.

 


L'80enne è figura molto nota: negli anni Cinquanta aveva costruito un piccolo impero del petrolio, la «Miotto General Petroli», che fino a qualche anno fa sfiorava fatturati da 250 milioni di euro l'anno e la cui parabola si è conclusa però con un concordato fallimentare. La Procura ritiene credibili le testimonianze delle due donne, e del materiale acquisito, ovvero le chat e il video. Abusi che entrambe hanno confermato nel corso dell'incidente probatorio. Il gip Piera De Stefani, vista la gravità delle accuse sollevate nei confronti dell'80enne, ne aveva disposto l'arresto e la custodia cautelare in carcere. Dopo una settimana in cella, al petroliere erano stati concessi i domiciliari nella sua villa di Mogliano. Adesso è tornato in libertà. «Chiarirò tutto nelle sedi opportune» - afferma Miotto, che ieri sera si stava gustando una pizza in compagnia di amici «che mi vogliono davvero bene». «Sono accuse gravi ma io sono tranquillo. Certo che questo è un gran caxin - conclude il petroliere riferendosi al ciclone mediatico - e questo mi sta creando notevoli danni di immagine. Da giorni ho staccato il telefono e ho schiere di giornalisti fuori casa, tanto che non posso neanche uscire».
 

Ultimo aggiornamento: 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA