Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giulia e Alessia Pisanu, la telefonata al papà pochi minuti prima di essere investite dal treno: «Stiamo tornando a casa»

Lunedì 1 Agosto 2022
Giulia e Alessia Pisanu, sorelle investite dal treno a Riccione. La telefonata al papà pochi minuti prima: «Stiamo tornando a casa»

«Stiamo tornando a casa». Qualche minuto prima di morire travolte da un treno in transito alla stazione di Riccione ieri mattina, Giulia e Alessia Pisanu, 17 e 15 anni, sorelle di Madonna di Castenaso nel Bolognese, avevano parlato al telefono con il padre per rassicurarlo che stavano tornando a casa. È quanto emerso dalle varie testimonianze che la Polizia ferroviaria sta raccogliendo circa le ore precedenti la morte delle due ragazze. Tra queste anche quella di un ragazzo di 24 anni che ieri mattina, all'uscita della discoteca Peter Pan, ha accompagnato le due sorelle in stazione.

La testimonianza: una ha cercato di salvare l'altra

Mentre le indagini sono ancora in corso, si aggiungono testimonianze di chi ha assistito all'incidente avvenuto ieri mattina alla stazione ferroviaria di Riccione in cui hanno perso la vita le due sorelle Giulia e Alessia Pisanu, 17 e 15 anni, di Castenaso (Bologna), travolte da un treno ad alta velocità. Stefano, giovane di 32 anni che frequenta spesso la stazione riccionese nei weekend, dice di avere assistito a tutta la scena. «Ho visto una ragazza seduta nei binari, e l'altra», che si è poi rivelata essere la sorella, «che ha cercato di tirarla via». Una versione che conferma quella riferita da altre persone presenti. Il testimone specifica che quella seduta in mezzo ai binari indossava «un vestito verde», mentre l'altra era «vestita di nero». Il treno arrivato a tutta velocità ha centrato entrambe. «Ho sentito un botto, un'esplosione, come se fosse una bomba», racconta il giovane. «Sono stato male tutto il giorno», «Vedere due corpi sparire così è veramente agghiacciante».

 

Le amiche: siamo sotto choc

«Erano due ragazze bravissime e belle, non ho parole. Ieri sera ci siamo trovati con alcuni amici per accendere lanterne con i loro nomi scritti sopra». Lo dice a Castenaso una ragazza che conosceva Giulia e Alessia, uccise ieri mattina da un treno in transito alla stazione di Riccione. «La gente - prosegue - non riesce a credere. La più grande era sempre a cena da noi, perché era amica di mia sorella. Mia mamma è sotto choc. Io non voglio più andare al mare a Riccione e sono incredula». La giovane ricorda poi un'altra giovane vittima di Castenaso, Irene Boruzzi, travolta da un'auto guidata da un giovane positivo all'alcol nel 2020. «Dopo Irene che è morta, questa notizia è stata scioccante. Aspettiamo tutti insieme il funerale, mi dispiace molto per il loro papà».

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 09:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA