Green pass, da colf e domestici a idraulici ed elettricisti: quando bisogna controllare il certificato?

Non solo uffici, fabbriche e aziende, dal 15 ottobre la certificazione Covid sarà obbligatoria anche per chi lavora nelle nostre case

Mercoledì 13 Ottobre 2021
Green pass, da colf e domestici a idraulici ed elettrcisti: quando bisogna controllare il certificato?

Il Green pass da venerdì non diventerà obbligatorio solo in uffici, fabbriche e aziende, anche nelle nostre case bisognerà fare i conti con il lasciapassare verde. Colf, badanti e baby-sitter sono infatti considerati a tutti gli effetti dei lavoratori. E dunque anche queste categorie dovranno disporre del Qr code per poter svolgere le loro mansioni in casa.

Portuali, lo sciopero dei No Green pass si allarga. Trieste: «Sarà venerdì nero, stop anche in altre città»

 

Colf, domestici, idraulici ed elettrcisti: il controllo spetta al datore di lavoro

 

I collaboratori doestici

Il compito di controllare il Green pass a Colf, badanti e baby-sitter è affidato al datore di lavoro. Dunque da venerdì sarà necessario verificare se la collaboratrice o il collaboratore domestico è in possesso del Qr code. Se non lo avrà, in base al nuovo decreto, la famiglia dovrà impedirgli l’accesso al proprio appartamento pena il rischio di andare incontro a una sanzione amministrativa che va da 400 a mille euro. Sanzione che invece va da 600 a 1.500 euro, in caso di controlli, per il lavoratore che dovesse aver presentato un lasciapassare falso e non dovesse averlo affatto.

 

Idraulici, elettricisti e liberi professionisti

Diverso il discorso per i liberi professionisti e gli artigiani chiamati a svolgere interventi in casa. Gli idraulici, gli elettricisti, i fabbri, i muratori, i tecnici degli elettrodomestici, solo per fare qualche esempio, devono avere il Green pass. Ma il cliente che ha chiamato l’artigiano per compiere una riparazione non è tenuto a verificare che questo sia in possesso del Qr code, in quando non è il suo datore di lavoro. Il cliente può però chiedere a chi è stato chiamato a svolgere un intervento in casa di mostrare il proprio Green pass. Se non dovesse averlo, può impedirgli l’accesso all’appartamento, senza dover pagare il costo fisso della “chiamata”. La ragione: il tecnico non sarebbe in regola con la legge.

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 00:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA