Green pass ritorna? Pregliasco: «Nuove misure se contagi aumentano»

Covid, ritorna il Green pass? Pregliasco: «Nuove misure se contagi aumentano»
Covid, ritorna il Green pass? Pregliasco: «Nuove misure se contagi aumentano»
Mercoledì 12 Ottobre 2022, 11:38 - Ultimo agg. 14 Ottobre, 09:18
3 Minuti di Lettura

Green pass torna? Fino alla fine di quest'anno, la Certificazione verde è richiesta per accedere ad alcune strutture. Come le sale d'attesa dei dipartimenti di emergenza e accettazione, dei reparti di pronto soccorso e dei reparti delle strutture ospedaliere, dei centri diagnostici e dei poliambulatori specialistici. Ma anche per entrare nelle strutture sanitarie e sociosanitarie degli accompagnatori di pazienti con disabilità gravi o di soggetti affetti da Alzheimer o altre demenze o deficit cognitivi certificati. Questo è quanto indicato dal Ministero della Salute.

Pfizer Lazio, cambiano gli hub dove trovare i vaccini aggiornati contro Omicron 4 e 5: la lista

Green pass torna? L'aumento dei contagi

La certificazione verde è stata adottata come invito alla vaccinazione. Ora, che gran parte della popolazione italiana si è vaccinata, non sembra essere uno strumento più necessario. Ma i contagi stanno aumentano. E continueranno a crescere con l'inverno. Non è quindi difficile da pensare che il nuovo governo potrebbe pensare al ripristino del green pass per evitare un'altra ondata di covid.

 

 

Il parere dei medici

Sul tema green pass si esprime anche il virologo Fabrizio Pregliasco. L'esperto è stato da sempre uno dei più cauti in materia di prevenzione e si è costantemente battuto per la vaccinazione.

Dott. Pregliasco, il green pass potrebbe tornare?

«Non credo che una prassi così divisiva possa essere accettata».

Anche se i contagi dovessero aumentare?

«Sì. Dobbiamo però immaginare scenari, non da attuare ma da pianificare, se la situazione dovesse peggiorare molto.

Quali in particolare?

«Mi riferisco a restrizioni e indicazioni».

Qual è ora il principale consiglio per evitare il contagio? 

«Ad oggi si può solo immaginare una raccomandazione alla vaccinazione per i soggetti fragili e più a rischio»

© RIPRODUZIONE RISERVATA