Tragedia all'Ilva: morto un operaio 28enne: colpito alla schiena da un cavo di acciaio. Sciopero immediato

Tragedia all'Ilva: morto un operaio 28enne: colpito alla schiena da un cavo di acciaio
ARTICOLI CORRELATI
  • 171
Un operaio della ditta di carpenterie metalliche Ferplast dell'appalto Ilva, Angelo Fuggiano, di 28 anni, è morto in seguito a un incidente avvenuto nel reparto Ima, al quarto sporgente del porto di Taranto gestito dal Siderurgico. Secondo fonti sindacali, durante il cambio funi per la macchina scaricatrice DM 6, un cavo sarebbe saltato durante la fase di ancoraggio della parte finale travolgendo il lavoratore. 

Vani sono risultati i tentativi di rianimazione da parte degli operatori del 118. Sul posto anche vigili del fuoco, carabinieri, Guardia di finanza e ispettori del lavoro. 

Le segreterie territoriale Fim, Fiom, Uilm e Usb di Taranto hanno proclamato lo sciopero dei dipendenti diretti e dell'appalto dalle 11 di oggi fino a tutto il primo turno di domani dopo l'incidente sul lavoro avvenuto questa mattina nel reparto Ima in cui ha perso la vita Angelo Fuggiano, 28enne operaio della ditta Ferplast, travolto da una fune durante attività di manutenzione alla gru Dm6. Nel corso degli ultimi mesi, aggiungono le organizzazioni sindacali, «sono stati consumati più scioperi (ultimo il 30 aprile) per denunciare le condizioni di sicurezza carenti, generate anche da una serie di mancanze organizzative, assenza di investimenti e manutenzioni più volte denunciati, e oggi l'ennesimo inaccettabile episodio».

Fim, Fiom, Uilm e Usb ritengono «non più rinviabile una seria discussione sull'intero sistema degli appalti che vengono ancor più aggravate dallo stallo della trattativa Ilva in cui uno dei punti delle nostre rivendicazioni è l'avvio di un vero e proprio codice degli appalti». Contestualmente, i sindacati chiedono al prefetto Donato Cafagna «una celere convocazione per rappresentare la grave e oramai non più sostenibile situazione» . Nel comunicato le organizzazioni sindacali richiamano «con forza le precarie condizioni in cui vivono i lavoratori delle aziende dell'appalto e dell'indotto Ilva, che, alle continue tensioni di precarietà, mancanza di stipendi, incertezza sul futuro, aggiungono anche minori condizioni di sicurezza».
Giovedì 17 Maggio 2018, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2018 10:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP