Infermiera muore a 47 anni, il collega di sala operatoria era rimasto ucciso in un incidente

Venerdì 13 Novembre 2020 di Berardo Lupacchini
Infermiera muore a 47 anni, il collega di sala operatoria era rimasto ucciso in un incidente

Se n'è andata col sorriso che aveva sempre bene in evidenza sul suo bel volto spegnendosi proprio nell'ospedale dove nell'ultimo anno era tornata a lavorare, dopo aver prestato servizio lungamente al Santo Spirito di Pescara. Ramona Tarantelli, una mamma di 47 anni di Penne, è stata stroncata da una malattia letale. Era infermiera nell'area chirurgica dell'ospedale San Massimo, la stessa dove operava un altro suo collega: quell'Angelo Petrucci di 43 anni che sarebbe diventato papà a breve, ma che aveva trovato la morte cadendo dalla moto il 26 agosto scorso in un giro con i suoi colleghi sulla provinciale fra Calascio e Castel del Monte, nel versante aquilano del Gran Sasso. Neppure tre mesi dopo, la struttura diretta dal dottor Franco Ciarelli perde purtroppo un altro pezzo importante.

«Non la conoscevo benissimo, tuttavia mi dicono che fosse una ragazza serena, sempre sorridente, molto attenta al suo lavoro per il quale era piuttosto apprezzata», la ricorda così Antonio Baldacchini del coordinamento infermieristico del San Massimo. «Non troppi mesi fa era venuta da noi in radiologia per capire meglio certi sintomi sinistri di cui avvertiva la presenza. E purtroppo la diagnosi confermò le preoccupazioni. Lei non aveva mai perso la speranza né quel suo sorriso di eterna ragazzina. Una bella persona», sottolinea un suo collega ospedaliero.

«Me la ricordo ancora a San Comizio quando giocava con i coetanei. Quando ho saputo, sono rimasto impietrito. Fra il virus e e le malattie che non sono andate mai in ferie è davvero un periodo buio, il più buio. Pregherò per Ramona, non ci resta altro da fare», commentava ieri mattina un giovane fra le corsie ospedaliere. Il calcio e la musica fra i suoi svaghi preferiti. Ramona era appassionata di calcio e tifosa del Pescara, mentre fra i suoi cantanti preferiti c'erano senz'altro Roberto Vecchioni e Vasco Rossi. Lascia la figlia Ambra Maria, la mamma Antonietta, il papà Palmarino e il fratello Jurka. L'ultimo saluto all'infermiera si è concretizzato ieri nella chiesa della Beata Vergine Maria Regina, a San Pellegrino. Anche chi non la conosceva è rimasto scosso per la tragica notizia che ha unito Penne e Vestea di dove la famiglia di Ramona è originaria. La salma infatti è stata tumulata nel cimitero di Vestea, la frazione di Civitella Casanova.

Ultimo aggiornamento: 08:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA