Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Infermiere spiate sotto la doccia. La microcamera nascosta negli spogliatoi dell'ospedale: tre indagati

Sabato 23 Luglio 2022 di Paolo Travisi
Infermiere spiate sotto la doccia. La microcamera nascosta negli spogliatoi dell'ospedale: tre indagati

Potrebbe sembrare la trama di un film sexy anni Settanta, ma purtroppo è tutto vero e molto grave. Nelle docce degli spogliatoi per le infermiere all'ospedale di Empoli, è stata trovata una microcamera nascosta che registrava filmati, usati per spiare le donne mentre si cambiavano, tanto che si ipotizza il reato di revenge porn.

Bambina di 7 mesi scivola nella vasca del bagnetto e non respira più: salvata con la ventilazione meccanica

 

Come nel Grande Fratello

Sulla vicenda sono al lavoro gli inquirenti che hanno iscritto nel registro degli indagati tre persone, ma sospettano che la rete sia ancora più larga. Ritrovato, dai carabinieri di Empoli, un monitor collegato alla microcamera in un locale usato dagli addetti alla manutenzione, elemento che sta portando le indagini verso ditte di personale esterno alla Asl, che avendo accesso ai locali, potrebbe aver piazzato la telecamera-spia.

Ricompensa sul ladro dei cani di Lady Gaga, rilasciato per errore. Su di lui una taglia di 5 mila dollari

L'enigma che dovrà chiarire l'indagine è da quanto tempo le lavoratrici dell'ospedale fossero spiate. Alcune infermiere, infatti, avevano notato già mesi fa, alcuni strani fori nella doccia, quando erano stati sostituiti i vetri del box, all'incirca nel 2021, in piena pandemia Covid, quando le operatrici sanitarie erano sottoposte ad estenuanti turni di lavoro. 

Solamente lo scorso mese di maggio, dopo le segnalazioni di un'infermiera, è stato scoperto il collegamento del cavo tra microcamera e monitor in un locale adiacente. Il monitor non era facilmente visibile perché nascosto da un attaccapanni e da vestiti appesi appositamente. Un piano ingegnoso per non essere scoperti. 

E poi c'è un altro elemento, ancora più inquietante su cui sta lavorando la polizia postale. Si sospetta che le immagini delle donne sotto la doccia siano state diffuse nella rete, e che quindi circolino foto e video, delle infermiere in un momento di intimità, che configurerebbe il reato di revenge porn, ovvero diffusione e condivisione di immagini o video intimi senza il consenso dei soggetti interessati con finalità di estorsione o vendetta.

Ultimo aggiornamento: 16:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA