CORONAVIRUS

Intercultura, riparte il sogno degli studi all'estero: nuovo bando e partenze già ad agosto

Lunedì 10 Agosto 2020 di Camilla Mozzetti
Intercultura, riparte il sogno degli studi all'estero: nuovo bando e partenze già ad agosto

All'inizio della pandemia da Covid-19 parte dell'attenzione fu concentrata su di loro: i ragazzi del progetto "Intercultura" che da anni porta gli studenti delle scuole superiori italiane in giro per il mondo per svolgere una parte dell'attività didattica all'estero. A Centinaia erano rimasti bloccati negli Stati Uniti, in Australia, in Cina e poi, a poco a poco, fecero ritorno a casa. Molti di loro atterrarono a Milano Malpensa o a Roma Fiumicino partendo da Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei dove l'incubo del coronavirus ha preso piede diffondendosi poi su scala globale. Tra loro c'era anche il giovane Niccolò, il 17enne di Grado, che per due volte non riuscì a partire dalla Cina a causa di una febbre alta e che poi trascorse 14 giorni di isolamento all'istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani risultando negativo ai tamponi per il rinvenimento del virus Sars-Cov-2.

LEGGI ANCHE Esperienza in Cina con Intercultura, arrivano 2000 mascherine e lui le dona alla Caritas

A decine furono costretti a interrompere il loro percorso di studi ma ora le cose cambiano perché la pandemia - nonostante tutti gli accorgimenti da prendere e le misure di sicurezza da seguire nell'ottica anti-contagio -, non ha bloccato il programma che punta ad allargare la "mente" e a riempire di esperienze l'animo di migliaia di studenti.

LEGGI ANCHE Coronavirus, aeroporto Leonardo Da Vinci, il rientro degli studenti di Intercultura dalla Cina

Sul sito dell'Associazione senza fini di lucro, che dal 1955 opera in Italia e in tutto il mondo attraverso la rete "Afs Intercultural Programs", è possibilie consultare il nuovo bando per partecipare al programma 2021/2022. A poter candidarsi prioritariamente gli studenti nati tra il 1primo luglio 2003 e il 31 agosto 2006 a cui, come da tradizione, sarà consentito di frequentare una scuola locale e di vivere insieme a una famiglia selezionata. Tra le novità della prossima edizione, l’apertura dei programmi in Grecia e l'attivazione dell’anno scolastico e del trimestre nel Regno Unito.

LEGGI ANCHE Coronavirus, Niccolò dimesso dallo Spallanzani: «Grazie a tutti, evitare il contagio si può». La gioia dei genitori

Anche per quest’anno il bando di concorso prevede che gli studenti che necessitano di un sostegno economico possano usufruire di una delle centinaia di borse di studio totali o parziali messe a disposizione da Intercultura attraverso il proprio fondo dedicato a questo scopo. In aggiunta, da settembre, saranno disponibili altre centinaia di borse di studio grazie alle donazioni di numerosi enti, aziende e fondazioni. Le iscrizioni al concorso potranno essere effettuate online, a partire dal primo di settembre fino al 10 novembre 2020.

Intanto, l’Associazione sta lavorando per riprogrammare le partenze degli studenti vincitori del precedente concorso per i programmi del nuovo anno scolastico 2020-21. Le date nella maggior parte dei casi sono slittate di alcuni mesi, ma per alcuni Paesi dove la situazione epidemiologica è migliore le prime partenze sono previste già nel mese di agosto. A partire dalla settimana dopo il 15, è prevista la partenza di altri ragazzi alla volta di Islanda, Lettonia, Norvegia, mentre le valigie sono in preparazione per un centinaio adolescenti che verso la fine del mese si dirigeranno in Irlanda, Germania, Belgio e Tunisia.

Un auspicio per la ripresa del nuovo anno e un messaggio di speranza per migliaia di studenti che non vogliono rinunciare a vivere un’esperienza così importante nel loro percorso di formazione perché «Nonostante i grandi limiti a cui siamo tutti sottoposti, molti giovani non rinunciano, ora più che mai - spiega Andrea Franzoi, segretario generale di Intercultura -  alla prospettiva di aprirsi al mondo e Intercultura intende sostenere gli studenti, le famiglie, le scuole che vogliono impegnarsi per costruire una società sempre più aperta e attenta a formare cittadini responsabili e attivi. In tale contesto l’educazione interculturale e l’apertura al mondo diventano quindi delle vere e proprie priorità».
 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 10:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA