MARIO DRAGHI

Lampedusa, hotspot al collasso per i troppi migranti: il sindaco chiede un incontro con Draghi

Martedì 15 Giugno 2021
Lampedusa, hotspot al collasso per i troppi migranti: il sindaco chiede un incontro con Draghi

Continuano gli sbarchi a Lampedusa: tra i nuovi arrivati a largo delle coste sicule c’è anche un neonato di cinque mesi. Dalla mezzanotte sono stati sette gli approdi sull'isola siciliana, per un totale di 250 persone sbarcate al molo Favaloro. La Guardia di Finanza e la Guardia costiera hanno intercettato un barcone che è approdato con a bordo 85 persone, tra cui 4 donne, un barchino con 13 tunisini, tra cui una donna seguito poco dopo da un altro con 12 uomini provenienti dal Marocco e dal Sudan. 

Papa Francesco e la questione dei migranti: il Mediterraneo è un cimitero e l'Europa è sorda

L'hotspot sta collassando

L’hotspot dell’isola è ora al collasso: il numero degli migranti del centro di contrada Imbriacola è tornato a sfondare quota mille dopo gli approdi recenti. La Prefettura di Agrigento ora sta lavorando senza fermarsi per i trasferimenti degli ospiti verso altri porti. Stamattina 100 minori non accompagnati hanno lasciato Lampedusa per andare a Porto Empedocle. Ieri, invece, 233 migranti erano stati imbarcati sulla nave quarantena Atlas ormeggiata a Cala Pisana, mentre altri 100 era a bordo del traghetto di linea. 

Arrestato a Cinisello Balsamo proprietario del camion in cui furono trovati 39 migranti morti

Draghi a Lampedusa? Il sindaco chiede un incontro

Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ha chiesto un incontro con il premier Mario Draghi per far fronte all'arrivo dei migranti: «solo stamani ne sono arrivati circa 600. Chiedo di essere ricevuto dal premier Draghi per affrontare il fenomeno delle migrazioni attraverso lo sguardo di un territorio di frontiera». Per il sindaco adesso il sistema delle navi quarantena sta funzionando e l’hotspot sta progressivamente venendo svuotato con trasferimenti, resta il problema del post-Covid anche perchè le navi sono una soluzione provvisoria. Il primo cittadino invita quindi a valutare un approccio diverso a quello della continua emergenza: «si continua a non lavorare sulle partenze, sugli sbarchi, su questo aspetto non c’è nessun passo in avanti da anni» ha concluso Martello.

Video

 

Ultimo aggiornamento: 17 Giugno, 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA