Migranti, ancora sbarchi: in 1.500 nell'hotspot di Lampedusa. Meloni: «Blocco navale subito, dal 25/9 si volta pagina»

Migranti, ancora sbarchi: centro Lampedusa in tilt. Meloni: «Blocco navale subito, dal 25/9 si volta pagina»
Migranti, ancora sbarchi: centro Lampedusa in tilt. Meloni: «Blocco navale subito, dal 25/9 si volta pagina»
Domenica 28 Agosto 2022, 12:34 - Ultimo agg. 29 Agosto, 13:43
5 Minuti di Lettura

Emergenza migranti a Lampedusa: in questi giorni ci sono stati diversi sbarchi (30 solo la notte scorsa) e il centro temporaneo è di nuovo sotto pressione. Altri tre sbarchi, per un totale di 45 tunisini, si sono registrati a Lampedusa oggi. Sui primi due barchini, salpati da Djerba e Boughrara, in Tunisia, c'erano 14 migranti su ognuno. Sul terzo erano in 17, fra cui sette minori. Sono riusciti ad arrivare nonostante l'intervento recente della Guardia costiera tunisina che ha bloccato il 26 e 27 agosto scorso 24 tentativi di emigrazione illegale, soccorrendo in mare 181 persone a bordo di imbarcazioni in difficoltà. Lo ha reso noto il portavoce della Guardia nazionale di Tunisi su facebook, precisando che nell'ambito dell'attività preventiva, sono state arrestate 12 persone «che si stavano preparando per un'operazione di attraversamento illegale delle frontiere marittime». 

Chi riesce ad approdare in Italia trova comunque una situazione drammatica. Nell'hotspot di Lampedusa (così si chiama il centro dove vengono portate le persone per essere identificate) ci sono in questo momento 1.517 persone. L'hotspot però ne potrebbe ospitare solo 350, ecco perché la situazione è diventata di nuovo problematica. 

Fino a giovedì scorso nella struttura vi erano 340 ospiti. Stamani, col traghetto di linea che giungerà in serata a Porto Empedocle, è previsto, su disposizione della prefettura di Agrigento, il trasferimento di 250 migranti.

Non solo Lampedusa. A Pantelleria ci sono stati altri 20 sbarchi nelle ultime 24 ore. Sull'isola ci sono 392 migranti. «La situazione nell'isola al momento è pesante - dice il sindaco Vincenzo Campo - Abbiamo alcuni moduli abitativi che possono ospitare al massimo cento migranti, ma nell'isola ce ne sono oltre 300». Per questo chiede «una maggiore collaborazione agli altri sindaci del Trapanese e siciliani».

Continua il caos in Libia, con 23 morti e 140 feriti negli scontri di ieri a Tripoli. L'instabilità infatti è causa della fuga e degli sbarchi di queste ore. 

 

Meloni: «Blocco navale subito, dal 25/9 si volta pagina»

Intanto Giorgia Meloni scrive su Instagram: «Uno Stato serio controlla e difende i propri confini. Non mi stancherò mai di ribadire che l'unico modo per fermare l'immigrazione clandestina è il blocco navale: una missione europea in accordo con le autorità nordafricane. Solo in questo modo sarà possibile mettere fine alle partenze illegali verso l'Italia e alla tragedia delle morti in mare. È giunto il momento di voltare pagina. Avverrà il 25 settembre se gli italiani ci daranno fiducia». 

Migranti, flusso di arrivi continuo

Il flusso di arrivi è continuo. In una notte (quella di venerdì 26 agosto) sono sbarcate a Lampedusa 703 persone. Ad arrivare nell'isola delle Pelagie sono soprattutto piccole imbarcazioni, con a bordo soprattutto uomini, ma anche donne e bambini, alcuni molto piccoli, salpate da Zuara, in Libia, o dalle citta marinare della Tunisia di Sidimansour, Zarzis, Kerkenna e Makdia. Alcuni natanti sono stati intercettati o soccorsi mentre erano alla deriva da mezzi navali della Guardia di finanza e della capitaneria di porto. Altri sono arrivati fino a Lampedusa, approdando direttamente in porto o ai moli Favaloro e Madonnina. Altri 342 sono sbarcati in Sicilia: a Pantelleria. Sono stati intercettati dalla Guardia costiera e dalle forze dell'ordine a ridosso delle coste.

A Messina, al molo Norimberga, ha attraccato la nave Open Arms Uno con a bordo 99 di migranti, compresi alcuni minorenni, che erano stati soccorsi nei giorni scorsi nel canale di Sicilia.

Anche in Calabria - Continuano anche gli sbarchi di migranti nel Porto di Roccella Ionica, nella Locride. Sono 82 i profughi, di varie nazionalità, arrivati a seguito di un'operazione di soccorso in mare effettuata al largo della costa calabrese da militari della Guardia costiera.

In Puglia - Una imbarcazione con a bordo un centinaio di migranti è arrivata  al porto di Gallipoli. È il secondo sbarco nel Salento, dopo le persone arrivate a Castrignano del Capo. Secondo l'agenzia Tap, che cita una fonte regionale della Guardia nazionale, «unità della Guardia costiera tunisina hanno sventato al largo di Mahdia, Sfax e Kerkennah 23 tentativi di emigrazione irregolare intercettando e soccorrendo 530 migranti irregolari». Proseguono i soccorsi nel mare Mediterraneo da parte delle navi di Ong: Ocean Viking ha salvato, in due interventi 112 persone.

E non si fermano neppure le polemiche politiche. Matteo Salvini, da Barletta, ribadisce: «nell'Italia governata dalla Lega, entra chi ha il permesso di entrare» e «gli altri tornano da dove sono arrivati», perché, sostiene, «non possiamo mantenere mezzo mondo con tanta gente in difficoltà».

In Sardegna - Non si fermano gli sbarchi di migranti lungo le coste del sud Sardegna. Nelle ultime 36 ore ne sono arrivati 84 che si aggiungo agli altri 132 approdati il 26 e il 27 agosto. Attualmente nel centro di prima accoglienza di Monastir (Città metropolitana di Cagliari) ci sono 216 migranti. Il primo sbarco si è registrato a Sant'Antioco dove sono arrivati 19 migranti, tra i quali una mamma con la figlia minorenne della Nuova Guinea. Tra gli sbarcati anche cittadini del Ghana. I successivi arrivi sono avvenuti sempre nel Cagliaritano: 18 stranieri sono stati rintracciati dai carabinieri a Santa Margherita di Pula, e successivamente altri 5 a Cala Verde. Poche ore dopo sempre nella stessa zona altri due sbarchi per complessivi 29 migranti, tutti rintracciati dai militari dell'Arma mentre si incamminavano lungo la statale 195. I carabinieri hanno effettuato un dettagliato controllo lungo le spiagge della zona sequestrando le tre imbarcazioni utilizzate per arrivare in Sardegna. Infine altri 13 migranti sono arrivati a Villasimius, sempre nel sud Sardegna. Tutti sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monastir.

© RIPRODUZIONE RISERVATA