Lampedusa, strage dei bambini nel 2013: due ufficiali rinviati a giudizio per omicidio colposo

Sono stati rinviati a giudizio dal gup di Roma Bernadette Nicotra, il comandante responsabile della sala operativa della Guardia Costiera, Leopoldo Manna e il comandante della sala operativa della squadra navale della Marina, Luca Licciardi: la vicenda riguarda il procedimento sul naufragio dell'ottobre del 2013 al largo di Lampedusa, dove morirono quasi 300 siriani tra cui 60 bambini siriani che scappavano dalla guerra. Sono accusati dal pm Sergio Colaiocco di rifiuto d'atti d'ufficio e omicidio colposo. Il processo inizierà con l'udienza fissata per il prossimo 3 dicembre

Il caso è quello del naufragio di un barcone di migranti avvenuto l'11 ottobre 2013 a largo di Lampedusa, nel quale morirono circa 300 persone, quasi tutte siriane. Tra le vittime  sessanta di bambini. Sulla tragedia, fin dall'inizio, c'è stata l'ombra di un ritardo nei soccorsi: in particolare, un tardivo intervento sul posto della nave Libra della Marina Militare, che era nella zona, nonostante concitate telefonate dal peschereccio con richieste di aiuto.

Sullo sfondo della tragediala storia del medico siriano Mohanad Jammo, che è sopravvissuto al naufragio, nel quale sono morti due suoi figli: si è sempre opposto alle richieste di archiviazione delle inchieste. 
Lunedì 16 Settembre 2019, 14:02 - Ultimo aggiornamento: 16-09-2019 15:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-09-16 14:48:38
solidarietà ai militari che nell'esercizio delle loro funzioni devono subire l'azione penale

QUICKMAP