Lotteria Italia, il giallo dei 3 biglietti vincenti di Ferno: serie troppo vicine, un caso su miliardi

Mercoledì 8 Gennaio 2020
Lotteria Italia, il giallo dei 3 biglietti vincenti di Ferno: serie troppo vicine, un caso su miliardi

In tutto sono 60 mila euro, una cifra molto lontana dai montepremi milionari ormai consueti, ma i tre biglietti della Lotteria Italia 2019 da 20 mila euro venduti a Ferno (Varese) rappresentano un vero e proprio rompicapo matematico, un giallo, soprattutto per gli addetti ai lavori: sono pressoché consecutivi, hanno la stessa serie e i primi cinque numeri uguali - P474343, P474346, P474348 - un caso che, secondo le leggi della probabilità, può verificarsi una volta su 2,6 miliardi di miliardi. Non solo: nell'elenco ufficiale dei biglietti vincenti pubblicato dai Monopoli di Stato, due dei tre tagliandi di Ferno sono uno sopra l'altro, mentre in generale l'ordine non progressivo.

Lotteria, a Monteverde vinti 1,5 milioni di euro: «È un abitante della zona»

Una vicenda prima segnalata su Twitter da Selvaggia Lucarelli, poi rimbalzata su siti e sui media e che ha portato il Codacons a presentare una formale istanza ai Monopoli di Stato e alla Guardia di Finanza «affinché sia sospesa l'aggiudicazione dei premi in attesa delle dovute verifiche». Anche perché, secondo l'associazione dei consumatori, è necessario «chiedere controlli e verifiche alle autorità competenti»: se il tutto «non fosse riconducibile al caso», tutte le estrazioni del 6 gennaio, che hanno portato a Torino i 5 milioni del primo premio, «potrebbero risultare viziate».

Una necessità di verifica che nasce anche dal fatto che come ogni anno i rappresentanti del Codacons, e di altre associazioni, erano presenti alle operazioni di estrazione dei biglietti vincenti della Lotteria Italia: «e non abbiamo rilevato intoppi, errori o anomalie durante le procedure di estrazione dello scorso 6 gennaio» ha spiega proprio il presidente del Codacons Carlo Rienzi. «Il caso di Ferno tuttavia, nonostante sia matematicamente possibile, fa sorgere legittimi dubbi - ha aggiunto - e pertanto presentiamo una formale istanza ai Monopoli e alla Gdf affinché svolgano le dovute verifiche sulla vicenda e forniscano risposte precise al Codacons e ai cittadini, sospendendo temporaneamente l'assegnazione dei premi della Lotteria Italia in modo da garantire piena trasparenza e correttezza agli utenti dei giochi a premio».

Allo stato, comunque, non risulta alcuna inchiesta aperta o delega ad indagare. Il Codacons ha chiesto a Salvatore Bonsangue, docente di matematica ed esperto di statistica e probabilità, una elaborazione sulla possibilità che su 3 biglietti esca la stessa lettera e le stesse prime 5 cifre: «Calcoliamo le possibilità che le prime 5 cifre siano le stesse su 3 biglietti (47434). Assodato che la stessa lettera ha 1/20 possibilità di uscire, per le cifre la possibilità è 1/10 per ogni singola cifra. Pertanto che escano le stesse cifre sui primi 5 estratti, è: 1/10^5 (= 1 su 10 elevato alla quinta) che è uguale a 1/100000. Per cui una lettera con le stesse prime 5 cifre ha 1 possibilità di uscire su 2 x 100.000: 2.000.000 per ogni biglietto. Le possibilità che siano estratti 3 biglietti aventi la stessa lettera e le stesse prime 5 cifre sul totale dei biglietti venduti, è pari a circa 1 su 2,6 miliardi di miliardi». Tanti, tanti zeri di probabilità.

Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio, 06:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA