Genova, parla l'autista del camion in bilico sul ponte: «Un angelo custode mi ha salvato»

Luigi Fiorillo e il suo camion nel pezzo di ponte Morandi
di Ernesto De Franceschi

2
  • 3650
Si chiama Luigi Fiorillo ed è l'autista del camion della catena di supermercati genovese Basko che è diventato il simbolo della strage del ponte di Genova. Il suo mezzo pesante si è fermato qualche metro prima del crollo e lui si è salvato per miracolo: «Stavo tornando da una consegna sulla riviera di ponente», racconta a NewsMediaset, «procedevo adagio perché la visibilità era ridotta, poi è crollato tutto: non ricordo bene, sono rimasto stupito e spaventato. Sono sceso dal camion, l'ho lasciato acceso, con la marcia innestata e sono corso via per paura che crollasse tutto». 
 
 

Poi aggiunge, sempre davanti a quel camion che guida quotidianamente lungo le strade della Liguria: «Ho sempre avuto paura a passare su quel ponte, vibrava sempre. L'ho percorso centinaia di volte».

Di quella maledetta mattinata, ricorda: «Pioveva fortissimo, sempre più forte mentre mi avvicinavo a Genova. Andavo piano per mantenere la distanza di sicurezza, questo mi ha salvato, se fossi andato più veloce sarei finito giù nel burrone. Ho visto il ponte andare giù davanti a me e sono sceso: ho iniziato a correre all'indietro. Ero preoccupato di lasciare il camion col motore acceso e pensavo che crollasse tutto: quel camion è la mia seconda casa. Sono stato fortunato. Chiamatelo miracolo, forse un angelo custode, visto che io sono credente, era lì e mi ha salvato».
 
Domenica 19 Agosto 2018, 16:29 - Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-08-20 14:34:04
Una bella testimonianza che conferma come il ponte non fosse sicuro e poi un invito a tutti: affidiamoci ogni giorno all'angelo custode e all'aiuto della Madonna. Soprattutto come questo giovane dobbiamo procedere piano, mantenere le distanze di sicurezza e non distrarsi alla guida.
2018-08-19 18:22:47
Eh sì, direi che l'angelo suo custode sapeva che non era la sua ora

QUICKMAP