Maltempo, la conta dei danni: ancora disperso l'operaio di Taranto, Abruzzo chiede stato di emergenza

Mentre a Milano Marittima dopo la tempesta tutto torna alla normalità in tempi record, a Taranto si cerca ancora l'operaio Cosimo Mimmo Massaro, disperso da ieri dopo la caduta della gru dell'Arcelor Mittal sulla quale stava operandoFinora si è operato per mettere in sicurezza la gru in bilico, anche se l'operazione non è del tutto stata completata. L'operazione è molto complessa visto che la gru è alta quanto un palazzo. Intanto i sommozzatori dei vigili del fuoco stanno iniziando a operare in una zona un pò più esterna anche con dei mezzi sofisticati per poter individuare a distanza il luogo in cui presumibilmente si trova la cabina della gru caduta. Le difficoltà sono determinate anche dalla presenza di altri rottami, dalle condizioni meteomarine non favorevoli e dalle acque torbide. 

Milano Marittima torna alla normalità in tempi record dopo la tempesta

Il Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, è al lavoro con le autorità locali di protezione civile delle regioni più colpite dal maltempo dei giorni scorsi, per «completare le verifiche sui danni causati ed agevolare, quindi, le richieste e l'eventuale dichiarazione dello stato di emergenza per le zone interessate».

 
 


In Abruzzo strade franate, tombini saltati, palazzi e abitazioni danneggiati, così come edifici pubblici, scuole, monumenti, danni all'ospedale di Pescara, ma anche al comparto agricolo flagellato da questa grandine con vigneti, e terreni coltivati a frutteti ed ortaggi distrutti. Questo un primo bilancio tracciato dal governatore dell'Abruzzo, Marco Marsilio, al termine della riunione operativa al Centro operativo del comune di Pescara dopo la violenta ondata di maltempo di ieri. È stato chiesto lo stato di calamità naturale. «Una situazione difficile, ma da questa mattina - ha annunciato Marsilio - con l'apertura della piattaforma telematica della Protezione Civile, tutti i Comuni potranno inserire i dati, e le stime dei danni subito, a partire dalle somme urgenze, e con questo elenco, noi chiederemo al Governo la dichiarazione di emergenza». A Macerata, come denuncia il vicesindaco e consigliere provinciale Saltamartini, a due giorni dal nubifragio molte famiglie sono ancora senza corrente elettrica. 
 


Per Coldiretti i danni all'agricoltura ammontano a milioni di euro con piante sradicate, serre divelte, frutta come le pesche, le mele ed i kiwi flagellata come pure meloni e pomodori ma anche campi allagati e grano e mais stesi a terra dalle forti tempeste di vento, trombe d'aria e temporali intensi accompagnati da grandinate killer.

 
Giovedì 11 Luglio 2019, 15:20 - Ultimo aggiornamento: 11-07-2019 16:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP