Maria morta di influenza, analisi su una tossina. Tantissima gente ai funerali tra musica e fiori bianchi

Domenica 3 Aprile 2022 di Egle Priolo
I funerali di Maria Elia a Ponte San Giovanni

Proseguono in un rispettoso silenzio gli esami e gli accertamenti per capire come sia morta Maria Elia, laragazzadi17anniarrivatavenerdìinospedaleconun’insufficienza respiratoria e deceduta 36 ore dopo, dopo essere stata intubata e sedata.Inattesadellaperiziarelativa all’autopsia a cui la giovane è stata sottoposta dopo che la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti, emergono particolari sulle analisi che sono statesvolte anche dopo lamorte di Maria. E al momento l’ipotesi più concreta resta quella della co-infezione dovuta al virus dell’influenza A e a un batterio farmacoresistente, lo stafilococco aureo, che hanno reso praticamente invincibilelapolmonitebilateralecheleè stata diagnosticata in ospedale. Ma per capire come il batterio, soprattutto, le abbia praticamente annullato le difese immunitarie, si stanno svolgendo analisi anche su una tossina, riscontrata durante gli accertamenti, che potrebbe essere stata l’elemento fatale. Intanto ieri a Ponte San Giovanni, papà Gennaro, mamma Roberta e la sorella Sonia hanno dato l’ultimo salutoa Maria, la «principessa» volata via troppo presto. Una bara bianca, palloncini e un applauso strappacuore, mentre dalle casse della chiesa di San Bartolomeo suonava Feliz Navidad, canzone nataliziainomaggio evidentemente alla sua voglia di «sognare Babbo Natale», come ricordato dai suoi compagni di scuola. In rappresentanza del Comune era presente l’assessore Luca Merli che, a nome del sindaco Andrea Romizi edi tuttal’amministrazionecomunale ha espresso vicinanza e affettoaigenitoridiMaria. E

Ultimo aggiornamento: 09:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA