Marò, Latorre fa causa allo Stato: «In India ho rischiato pena di morte». E chiede un risarcimento milionario

Marò, Latorre fa causa allo Stato: chiesto maxi risarcimento milionario
Marò, Latorre fa causa allo Stato: chiesto maxi risarcimento milionario
Giovedì 3 Novembre 2022, 14:15 - Ultimo agg. 5 Novembre, 10:47
2 Minuti di Lettura

Il marò Massimiliano Latorre fa causa allo Stato chiedendo un maxi risarcimento milionario. La ragione dietro il procedimento avanzato da Latorre è quella di essere stato costretto dallo Stato a tornare in India dove rischiava la pena di morte.

Marò, l'India chiude il caso. La moglie di Latorre: «Noi come carne da macello»

Marò, La torre fa causa allo Stato: chiesto risarcimento

A riportare la notizia in anteprima sulle sue pagine è stato il Fatto Quotidiano, spiegando che il luogotenente che «era rimasto in carcere nel Kerala per 106 giorni insieme con il collega Salvatore Girone» adesso pretenderebbe un "cospicuo" risarcimento per avergli impedito di fare carriera e mettere su famiglia, oltre ad avere rischiato la morte ritornando in India.

Latorre, ancora membro della Marina Militare, è difeso gli avvocati Fabio Anselmo, già legale della famiglia Cucchi, e Silvia Galeone. Sempre secondo quanto riporta il Fatto Quotidiano, è attualmente in corso all'Ordine degli avvocati di Roma la mediazione che precede obbligatoriamente le cause civili. Presto potrebbe inoltre arrivare anche un'altra causa, da parte dell'altro marò, Salvatore Girone: «Abbiamo scritto una lettera alla Marina chiedendo di riparare al sacrificio patito da Girone, con toni amichevoli», spiega il suo avvocato, Enrico Loasses «ma è arrivata una risposta negativa di una sola riga. Ora stiamo valutando».

Marò, stampa indiana: «L'Italia pagherà 1,1 milioni di euro per risarcire i familiari delle vittime»

© RIPRODUZIONE RISERVATA