Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marta Novello, il 16enne che l'ha accoltellata scarcerato per errore e i messaggi agli amici: «Torno a giocare alla play station con voi»

Domenica 7 Agosto 2022 di Valeria Lipparini
La vittima dell'accolteltellamento Marta Novello, studentessa di 26 anni, di Mogliano

MOGLIANO - Quando ha visto le porte del carcere di Napoli aprirsi, ha avviato un profilo Instagram nuovo di zecca per comunicare la notizia ai suoi amici di Mogliano. «Guardate che sto tornando. Così, ci troviamo a giocare alla play station». A scrivere il messaggio è stato il 16enne che nel marzo scorso, a Mogliano, accoltellò Marta Novello, colpendola con 23 pugnalate. Un’aggressione brutale che aveva scosso l’intera comunità. Adesso il giovanissimo, rilasciato per un errore burocratico, cercava di riallacciare le vecchie amicizie. In un attimo la notizia è volata di telefonino in telefonino. E, dai figli, è passata alle loro mamme. 

Marta Novello, notifica sbagliata: così il baby aggressore che l'ha accoltellata è libero ed è fuggito a Londra


LA PREOCCUPAZIONE

La preoccupazione si è fatta palpabile. Tanto è vero che del caso è stato interessato perfino il sindaco, Davide Bortolato, che ha ricevuto le telefonate allarmate di alcuni genitori. «Sta tornando l’accoltellatore di Marta? Mio figlio mi ha detto che vuole andare a giocare con lui». Questo il tenore delle telefonate. «Ho rassicurato, dicendo che al minorenne era stata trovata una struttura, fuori Regione, che lo avrebbe accolto» ammette il primo cittadino. Poi, però, le cose non sono andate così. Nel senso che il 16enne, già condannato in primo e secondo grado, è a Londra con la madre. Prima di prendere il largo, però, madre e figlio hanno fatto tappa proprio a Mogliano. E questo ha destato l’allarme della cittadina. Il profilo Instagram è già chiuso e il ragazzino è oltre Manica.
Restano, però, tutti i dubbi su un meccanismo giudiziario che si è inceppato. Il 16enne, rinchiuso nel carcere minorile trevigiano e poi trasferito a Napoli in quanto aveva partecipato, peraltro non come capobanda, alla sommossa registrata ad aprile, non aveva ricevuto la notifica della comunicazione di un suo trasferimento dal carcere minorile a una comunità, che Comune e Usl avevano individuato in poche ore, proprio per tener fede all’ordinanza del Tribunale per i Minori di Venezia. E così lui è libero e lontano dal Paese.


IL COMMENTO
A prendere posizione il deputato trevigiano della Lega Giuseppe Paolin, componente della commissione Affari Sociali della Camera, che si scaglia contro l’avvocato difensore: «Inopportuno che stesse a Mogliano senza la madre? No, è allucinante che un soggetto estremamente violento che ha quasi ammazzato una persona non sia in prigione ma sia libero di delinquere nuovamente».

Ultimo aggiornamento: 15:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA