Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccide la moglie e va a bere la birra al bar: Naima sorpresa a letto con le cuffie

Mercoledì 16 Marzo 2022
Naima Zahir - Massimo Cannone

Dopo aver accoltellato al collo e ucciso la moglie è andato a bere una birra invece di chiamare i soccorsi. E' uno degli elementi emersi dalle indagini condotte dalla polizia sull'omicidio di Naima Zahir, la 45enne originaria del Marocco trovata morta sabato, 12 marzo, nella sua casa di Lentini, nel Siracusano.

Il marito Massimo Cannone ha confessato alla presenza del suo avvocato di aver ucciso la moglie, dopo aver cercato in un primo momento di depistare le indagini. Cannone, tappezziere 45enne, che si trova adesso rinchiuso nel carcere di contrada Cavadonna, avrebbe sferrato due coltellate sorprendendo la donna che si trovava a letto con le cuffiette alle orecchie, mentre navigava in rete con il cellulare.

LA RICOSTRUZIONE DEL FEMMINICIDIO

Secondo quanto ricostruito l'assassino prima avrebbe dato «una ripulita» alle tracce di sangue trovate vicino al corpo della moglie e poi, invece di chiamare i soccorsi, sarebbe andato a bersi una birra. 

Leggi anche > Naima uccisa con una coltellata al collo, fermato il marito: «Non sono stato io, ha fatto tutto da sola»

A dare l'allarme sabato sera è stato il cognato della donna che al 112 ha raccontato che in casa del fratello c'era il corpo della moglie, morta sul letto colpita da due fendenti. Immediati i tentativi del marito di depistare gli agenti, sostenendo persino che la donna si fosse «auto inferta» le ferite. Le indagini, condotte dal commissariato di Lentini e dalla Squadra Mobile, hanno immediatamente evidenziato come la scena del crimine fosse stata inquinata dal marito che ha raccontato di essere stato il primo a rinvenire il cadavere della moglie.

Inverosimili i dettagli: l'uomo ha detto di aver dato «una ripulita alle tracce ematiche conseguenti ai colpi che la moglie si sarebbe auto-inferta» e poi, anziché chiamare il personale sanitario, sarebbe andato a bere una birra per tornare sul luogo del delitto quando i soccorsi erano già sul posto. Secondo la Procura di Siracusa il tappezziere stava progettando di fuggire. 

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA