Turiste stuprate, restano in carcere i 4 giovani arrestati: il giudice respinge richiesta domiciliari

Giovedì 17 Settembre 2020

Restano in carcere i quattro arrestati per lo stupro di gruppo di cui sono state vittime due 15enni inglesi durante una festa in una villa di Marconia, frazione di Pisticci a circa 60 chilometri da Matera. I quattro sono accusati di aver commesso violenza sessuale e lesioni personali aggravate e continuate nei confronti delle due minorenni inglesi. Negli interrogatori di garanzia il 23enne Michele Masiello, il 22enne Alberto Lopatriello, il 21enne Alessandro Zuccaro e il 19enne Giuseppe Gargano si erano avvalsi della facoltà di non rispondere.

Il gip Angelo Onorati ha respinto la richiesta di attenuazione della misura, con gli arresti domiciliari, presentata dalla difesa. Proseguono le indagini della Polizia per identificare l'ottava persona che avrebbe partecipato alla violenza sessuale di gruppo. Formalmente non è stato ancora riconosciuto. Sono in corso accertamenti su una persona individuata dalle vittime su Facebook. 

Anche in questo caso si stanno rivelando utili i “social. Due degli arrestati, infatti, erano stati identificati e riconosciuti su Instagram. Sotto il profilo giudiziario, sarà importante l'incidente probatorio di sabato mattina in cui l'accusa vuole cristallizzare le accuse con il racconto delle vittime a cui finora sono stati trovati riscontri. Per questa ragione le due ragazze non sono ancora rientrate in Inghilterra e sono in Basilicata, ma non più a Marconia, insieme ai rispettivi genitori. 

Turiste inglesi minorenni stuprate da 8 ragazzi: la violenza in giardino durante un party. «Non chiamate la polizia, non rovinate la festa»

Gli avvocati di Michele Masiello, di 23 anni, Alberto Lopatriello (22), Alessandro Zuccaro (21) e Giuseppe Gargano (19) avevano chiesto per i loro assistiti il passaggio agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico. Restano indagati a piede libero, altri tre giovani, tra i quali due cantanti trapper. Sabato prossimo, 19 settembre, alle ore 9, comincerà l'incidente probatorio, al quale prenderanno parte anche le due ragazzine. Nel frattempo, una delle due avrebbe riconosciuto su un social network anche l'ottavo giovane che avrebbe partecipato alla violenza sessuale di gruppo: tramite l'avvocato, Giuseppe Rago, è stata presentata una denuncia contro quest'altro giovane. 

Ultimo aggiornamento: 19:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA