Interrotto dai carabinieri mentre celebra la messa, il parroco a Chi l'ha Visto: «Non pago la multa, è abuso di potere»

Mercoledì 22 Aprile 2020
Interrotto dai carabinieri mentre celebra la messa, il parroco a Chi l'ha Visto: «Non pago la multa, è abuso di potere»
A Chi l'ha Visto? la vicenda di don Lino Viola, il parroco di Soncino, in provincia di Cremona, interrotto e multato mentre celebrava la messa. «Non pago la multa, farò ricorso», ha dichiarato dopo essere interpellato dalla trasmissione. Il religioso parla di "abuso di potere" e spiega che non c'era alcun assembramento. Quando i militari dell'Arma sono entrati nella chiesa della frazione Gallignano, dove era in corso la messa di addio a una delle vittime del Covid-19, hanno trovato 14 persone tra i banchi, «ben distanziati, con tanto di mascherina e guanti com'è giusto che sia».

Leggi anche > Luciana Martinelli, l'amico a Chi l'ha Visto: «Si sentiva oppressa dalla quarantena»

I militari, applicando, la legge hanno contestato al religioso una violazione del DPCM in materia di emergenza sanitaria stilando un verbale da 280 euro. Dura la reazione di don Lino Viola: «È rispetto questo? Un carabiniere che interrompe una messa arrivando sull'altare? In una chiesa di 350 metri quadrati? Dove siamo, nella Russia sovietica? Per adesso non pago. Prima scriverò al prefetto perché le modalità usate dai carabinieri sono inaccettabili e si deve sapere. Tra l'altro c'è un filmato che documenta tutti i fatti sul web». Ultimo aggiornamento: 23:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA