Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caldo, Caronte molla la presa: da domani in arrivo aria fresca e nubifragi. Ecco dove

Mercoledì 6 Luglio 2022
Caldo, Caronte molla la presa: da domani in arrivo aria fresca e nubifragi. Ecco dove

Il caldo dovrebbe avere le ore contate. Dopo giorni roventi e temperature da record su tutta l'Italia a partire dalla giornata di domani 7 luglio dovrebbe arrivare un vortice di aria fredda che abbasserà le temperature anche di 10 gradi in gran parte delle regioni. A mitigare Caronte arriva l'anticiclone delle Azzorre con venti più freschi.

Leggi anche > «Covid, il picco tra pochi giorni, poi caleranno i contagi. Nuova variante? Non facciamo allarmismo»

Tra giovedì 7 e venerdì 8 i venti più freschi arriveranno da Nord a Sud spostandosi nelle regioni adriatiche dove tra Venerdì 8 e Sabato 9, si registreranno le maggiori differenze termiche rispetto agli ultimi roventi giorni. In regioni come il Molise e la Puglia le temperature potrebbero addirittura crollare di 15/18°C. Il caldo africano sarà comunque costretto ad abbandonare anche il resto del Paese e nelle altre regioni le temperature massime saranno tra i 26/28°C, con punte di 30°C o leggermente sopra sulla Val Padana e su molti settori dell'area tirrenica in un contesto climatico che sarà comunque decisamente più piacevole rispetto alle ultime settimane.

I contrasti tra la nuova massa d'aria più fresca in arrivo con quella molto calda e umida accumulata in questi giorni, potranno innescare però fenomeni anche di forte intensità a carattere di nubifragio con violente quanto improvvise raffiche di vento (talora superiori agli 80-90km/h) e puntuali grandinate anche di grosse dimensioni. Questo in particolare su Nordest, lato Adriatico dalla Romagna alla Puglia, Toscana interna, Umbria, Lazio e infine al Sud peninsulare e Sicilia specie tirrenica.

Il rischio è che però la parentesi fresca duri per poco tempo e che già a partire dalla metà del mese possano tornare temperature roventi con un nuovo anticiclone africano.

Ultimo aggiornamento: 21:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA