Migranti, Msf: «Pressioni dell'Italia su Panama per revoca Aquarius»

Migranti, Msf: «Pressioni dell'Italia su Panama per revoca Aquarius»
ARTICOLI CORRELATI
5
  • 100
Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere sono «sconvolte dall'annuncio dell'Autorità marittima di Panama di essere stata costretta a revocare l'iscrizione dell'Aquarius dal proprio registro navale sotto l'evidente pressione economica e politica delle autorità italiane. Questo provvedimento condanna centinaia di uomini, donne e bambini, alla disperata ricerca di sicurezza, ad annegare in mare e infligge un duro colpo alla missione umanitaria di Aquarius». Così in una nota le due organizzazioni umanitarie.

LEGGI ANCHE Aquarius, i 141 migranti andranno in cinque paesi europei
LEGGI ANCHE Aquarius, Ue: «Massimo impegno diplomatico per soluzione rapida»

Sabato 22 settembre - prosegue la nota - il team a bordo di Aquarius è rimasto scioccato quando ha saputo che le autorità panamensi avevano informato ufficialmente Jasmund Shipping, il proprietario della nave, della richiesta delle autorità italiane a prendere 'azioni immediatè contro l' Aquarius. Nel messaggio ricevuto dall'Autorità marittima di Panama - riferiscono le ong - si legge che «sfortunatamente è necessario che l' Aquarius sia esclusa dal nostro registro perché la sua permanenza implicherebbe un problema politico per il governo e per la flotta panamense in direzione dei porti europei».

LEGGI ANCHE Nave Aquarius ai governi Ue: «Ci diano un porto sicuro»

Questo messaggio è arrivato nonostante l' Aquarius abbia completato con successo tutte le procedure di registrazione, essendo conforme agli standard elevati previsti dai regolamenti marittimi di Panama. SOS Méditerranée e MSF denunciano fortemente queste azioni che dimostrano fin dove il governo italiano voglia spingersi, mentre la sola conseguenza è che le persone continueranno a morire in mare e che nessun testimone sarà presente per contare i morti.

 
 


Le notizie dell'Autorità marittima di Panama sono arrivate mentre le équipe a bordo dell' Aquarius erano impegnate in un'operazione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale. Nelle ultime 72 ore, Aquarius ha aiutato due imbarcazioni in difficoltà e ora ha 58 persone a bordo, molte delle quali sono psicologicamente provate e affaticate dalla traversata in mare e dalle esperienze in Libia e per questo hanno bisogno urgentemente di sbarcare in un luogo sicuro come richiede il diritto internazionale marittimo. L' Aquarius ha sempre agito in piena trasparenza operando sotto il coordinamento di tutti i centri marittimi competenti e nel rispetto delle leggi marittime e delle convenzioni internazionali.
Domenica 23 Settembre 2018, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 07:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-09-24 04:41:36
Aquarius: terra di nessuno? svuotatela dei materiali inquinanti e affondatela in pochi anni sarà ricoperte da piante e animali marini che ne faranno un habitat perfetto.
2018-09-24 02:24:25
bene così
2018-09-23 23:40:53
Ma a chi vogliono darla a bere. Cercano una bandiera proponendosi come nave dedicata a tutt'altro tipo di attività. Sarebbe sorprendente che un paese conceda la sua bandiera per permettere il traffico CRIMINALE di esseri umani a scopo di lucro. Se le navi non operano, non ci saranno morti se la gente smette finalmente di violare btutte le regole e tentare di entrare clandestinamente pretendendo anche il mantenimento per quanto ridotto. Ricordate il film in cui Totò fu "salvato" da Gino Cervi e pretese di essere mantenuto a vita perchè gli era stato impedito di suicidarsi. Poi confessò che era semplicemente caduto in acqua. Questi invece si buttano con la supponenza di essere salvati
2018-09-23 20:34:46
Siamo alle solite, gente che solo sulle imbarcazioni sono provate e affaticate, poi appena messo piede aterra (in Italia) diventono giovani e forti, per scappare , rubare, spaccaire e picchiare ai tutori dell'ordine. Quelle scene "pietose" degli sbarchi,nella stragrande maggioranza è un copione ben collaudato, per far sì che i cosideti "buonisti" rompono le scatole con l'accoglienza.Quindi veder scendere una donna incinta, dei bambini e qualche cadavere che sicuramente non è morto nella traversata, ma preso in comodato uso dalle spiaggie libiche , tutto questo fa parte del copione, ma!!! se vediamo scendere tutti "mandingo" giovani e forti ecco che si abbssa la quota dei favorevoli agli sbarchi.
2018-09-23 18:11:26
Finalmente si cerca di ristabilire la legalità!

QUICKMAP