Rocca di Papa, migranti attesi stasera: iniziato il viaggio, durerà 10-12 ore

Rocca di Papa, migranti attesi stasera: iniziato il viaggio, durerà 10-12 ore
Inizia il viaggio dei migranti sbarcati a Catania da nave Diciotti verso le sedi di destinazione. Il gruppo più numeroso è quello che sarà ospitatato alle porte di Roma a Rocca di Papa dove, peraltro, sono attesi da un clima ostile. Molti i messaggi sui social network ieri dei cittadini fortemente contrari al piano predisposto da Italia e Cei.

LEGGI ANCHE ----> A Rocca di Papa rivolta sui social network

«Siamo stati rassicurati dalla Cei e dalla Caritas che i migranti saranno ricollocati in pochi giorni e che ci sono disponibilità ben superiori al numero necessario», ha assicurato il sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini. «Capiamo le perplessità di alcuni cittadini, il Comune è al lavoro per garantire i minori disagi possibili e la sicurezza - ha proseguito Crestini - Il mio ruolo non è di fare le barricate ad una decisione presa dal ministro». Il sindaco, che al momento ha escluso iniziative ufficiali di protesta da parte di cittadini o associazioni, ha anche sottolineato che «se ci saranno, arrivano da fuori».

«Dalle comunicazioni che abbiamo avuto resteranno pochi giorni all'interno del Centro e poi verranno accolti dalle diocesi in Italia che hanno dato disponibilità», conferma Domenico Alagia, direttore della cooperativa San Filippo Neri che gestisce per conto della Auxilium i servizi di accoglienza nel Centro Mondo Migliore di Rocca di Papa, a poche ore dall'arrivo qui di 100 migranti della Nave Diciotti. È questo il «numero» delle persone che il Centro si appresta ad accogliere a fronte delle comunicazioni «ufficiali» ricevute. «L'orario preciso non lo sappiamo», dice Alagia. «Sappiamo che sono partiti dal porto di Messina questa mattina intorno alle 10.30. Noi li aspettiamo quindi in tarda serata». E aggiunge: «Abbiamo destinato un'ala separata della struttura. Attiveremo per loro il protocollo che utilizziamo normalmente per tutti gli sbarchi che abbiamo ricevuto in questi due anni. Per noi non è niente di straordinario. Verrà quindi attivato il protocollo sanitario e la presa in carico dal punto di vista socio-psicologico che è molto importante per queste persone, soprattutto per quello che hanno appena passato. Subito verranno presi in carico anche dai mediatori culturali che li accompagneranno in questo periodo di poco tempo che resteranno all'interno del Centro e poi inizieremo a dare subito delle informazioni: nozioni di italiano, riferimenti per capire dove si trovano, basi di educazione civica. Tutte le informazioni minime per far loro capire soprattutto il percorso che dovranno fare e che sarà comunque un percorso di integrazione sul territorio italiano. Verrà quindi spiegato loro già da qui il percorso che faranno».


Via al viaggio. Cento migranti ospitati nell'hotspot di Messina dopo essere sbarcati a Catania sulla nave Diciotti sono in partenza con pullman verso il centro di accoglienza di Rocca di Papa (Roma). Gli stranieri giungeranno a destinazione dopo un viaggio di 10-12 ore. Altri 39 sono rimasti nell'hotspot in attesa di essere trasferiti in Albania e Irlanda, nazioni che hanno dato la disponibilità ad accoglierli.
Martedì 28 Agosto 2018, 10:22 - Ultimo aggiornamento: 28-08-2018 17:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-08-28 13:23:41
la chiesa selà opitati selì doveva portare al Vaticano non in mezzo alle persone normali, ma che aspettate che succede una guerra civile contro gli incivili?

QUICKMAP