«Mare Jonio pagata per trasbordo migranti». Quattro indagati dai pm di Ragusa, anche Casarini e Caccia

Lunedì 1 Marzo 2021
«Mare Jonio pagata per trasbordo migranti». Quattro indagati dai pm di Ragusa, anche Casarini e Caccia

Soldi in cambio del trasbordo, l'11 settembre del 2020, di 27 migranti dalla nave danese Maersk Etienne, che li aveva soccorsi 37 giorni prima, sulla Mare Jonio operante per conto della Mediterranea saving humans-aps. È l'ipotesi della Procura di Ragusa che ha disposto perquisizioni a Trieste, Venezia, Palermo, Bologna, Lapedona (FM), Mazara Del Vallo (TP), Montedinove (Ap) e Augusta (SR). La Mediterranea è una Ong il cui cuore pulsante è in Veneto: li capo missione infatti è Luca Casarini, ex leader del centro sociale Rivolta di Marghera ed ex leader dei no global italiani; dall'altro il suo inossidabile compagno di mille battaglie, Beppe Caccia, consigliere comunale in laguna nell'era Massimo Cacciari e assessore nella giunta di Paolo Costa, oggi in veste di armatore della Mare Jonio.

Migranti, barcone si ribalta vicino a Lampedusa: 45 in salvo, ma ci sono dispersi

Migranti, seppellito a Lampedusa il neonato di 6 mesi annegato: la bara piccola trovata solo oggi

Gli indagati

Sono Luca Casarini, l'ex assessore comunale di Venezia Beppe Caccia, il regista Alessandro Metz e il comandante Pietro Marrone i quattro indagati dalla Procura di Ragusa nell'inchiesta sulla Mare Jonio. I reati contestati sono di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e di violazione alle norme del codice della navigazione sul trasbordo di 27 migranti dalla nave danese Maersk Etienne, che li aveva soccorsi 37 giorni prima. Sono indagati per il loro ruolo sulla Nave Jonio. È estranea all'inchiesta l'Ong Mediterranea saving humans per conto della quale operava il rimorchiatore.

 

Migranti, piano Ue: «Chi non accetta la redistribuzione pagherà i rimpatri». Conte: «Paesi di arrivo non siano soli». Viminale: «Va superato Dublino»

Soccorsi oltre 400 migranti, l'Onu: «Subito un porto sicuro». La guardia costiera assiste la nave di Banksy

Nell'inchiesta, che ipotizza i reati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e di violazione alle norme del codice della navigazione, sono indagate dalla Procura di Ragusa quattro persone, tra soci, dipendenti o amministratori, di fatto o di diritto, della società proprietaria ed armatrice del rimorchiatore Mare Jonio. Le indagini sono state affidate a un gruppo interforze composto da militari del nucleo Pef della Guardia di finanza di Ragusa e da poliziotti della Squadra Mobile della Questura del capoluogo Ibleo e da personale della sezione Operativa Navale delle Fiamme gialle di Pozzallo e della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Pozzallo. Il gruppo investigativo sta eseguendo un decreto di perquisizione personale e locale e di sequestro finalizzato a «ricercare ed acquisire ogni elemento documentale e/o su supporto elettronico utile a comprovare i rapporti tra gli indagati e tra essi e la società danese armatrice della Maersk Etienne, nonché di eventuali altre società armatoriali». Per la Procura di Ragusa, sulla base di indagini «fin qui svolte, corroborate da intercettazioni telefoniche, indagini finanziarie e riscontri documentali», è «emerso che il trasbordo dei migranti effettuato dall'equipaggio della Mere Jonio» sarebbe avvenuto «senza nessun preventivo raccordo con le sutorità maltesi, competenti per l'evento Sar, o con quelle italiane ed apparentemente giustificato da una situazione emergenziale di natura sanitaria, documentata da un report medico stilato dal team di soccorritori imbarcatosi illegittimamente a bordo del rimorchiatore». Ma non solo, è la contestazione più grave mossa dalla Procura di Ragusa: il trasbordo sarebbe stato «effettuato solo dopo la conclusione di un accordo di natura commerciale tra le società armatrici delle due navi, accordo in virtù del quale la società armatrice della Mare Jonio ha percepito un ingente somma quale corrispettivo per il servizio reso».

Ultimo aggiornamento: 2 Marzo, 07:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA