Migranti, tabacco e carburante: l’ultimo business del contrabbando

Venerdì 17 Maggio 2019 di Valentina Errante
Migranti, tabacco e carburante, l’ultimo business del contrabbando,  le inchieste della Finanza
Uomini, petrolio e tabacchi. La rotta è quasi sempre la stessa, il Mediterraneo, la merce parte dalla Libia o dalla Tunisia per arrivare nei porti europei. E se per “scaricare” il materiale umano, che spesso viaggia con sigarette da immettere sul mercato, la destinazione naturale è quasi sempre quella dei porti siciliani, per gli altri traffici è ancora aperta la via Balcanica: dal nord Africa alla Turchia fino alla Slovenia e poi all’Italia. Il bilancio 2018 dell’attività della Guardia di Finanza nella lotta al contrabbando racconta di organizzazioni criminali che controllano i traffici di uomini e gestiscono quello di sigarette. Affari paralleli che consentono alle organizzazioni criminali un doppio business. I fascicoli aperti dalla Dda di Palermo rivelano l’esistenza di associazioni per delinquere accusate di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e contrabbando di tabacchi. Piccole imbarcazioni, con pochi profughi a bordo a bordo, oltre a una quantità variabile di sigarette, portano in Sicilia profughi. Di volta in volta i trafficanti, attraverso “la rete italiana”, individuavano i tratti di costa dove sbarcare per evitare i controlli e assicurarsi la rapida dispersione dei migranti. Viaggi continui. 

Con l’operazione “Scorpion fish2” la Dda palermitana ha individuato un’organizzazione della quale facevano parte tunisini, italiani e marocchini, che offrivano un «servizio di transito» anche a persone ricercate nei paesi d’origine. Sull’inchiesta grava il sospetto che alcuni soggetti appartenessero all’islam radicale e fossero vicini a jihadisti. Con i migranti viaggiavano anche chili di “bionde” Il contrabbando di “illicit white” è un fenomeno che non riguarda solo il Nord Africa, Cina, Emirati Arabi Uniti, Russia, Bielorussia e Ucraina. Prodotti a basso costo, con pacchetti contraffatti molto simili alle marche più diffuse acquistate in Europa, ma non ammesse alla vendita perché fuori dagli standard di sicurezza. Nel solo 2018, sono stati sequestrati 267.600 chili di sigarette di contrabbando. 

LE ROTTE
I traffici che seguono la rotta dei migranti non riguardano solo le sigarette, ci sono anche i prodotti petroliferi. Mai greggio, sempre materiali trattati, come nel caso dell’operazione “Dirty oil”, che ha portato i militari a individuare, attraverso intercettazioni e il monitoraggio in mare, un traffico che partiva dal piccolo porto libico di Abu kammash - a quasi 40 chilometri di distanza da Zuwara - sino ai porti italiani di Augusta, Civitavecchia e Venezia Porto Marghera. Dopo la partenza, fuori dalle acque territoriali maltesi, il primo trasbordo, attraverso bettoline, navi cisterna e petroliere a disposizione del gruppo criminale, per nascondere la provenienza del gasolio. Nel 2018 sono stati 2.075 gli interventi della Finanza, tre milioni 863.131 chili di merce sequestrata e un commercio che allo Stato è costato 127 milioni di euro. Perché il prezzo dei manufatti, che arrivano dalle organizzazioni criminali, è ovviamente al netto delle accise. Un traffico che avviene grazie alla complicità delle milizie libiche non governative.  Ultimo aggiornamento: 13:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA