«Mia moglie aggredita da un negro, l'ha sbattuta per terra»: il cartello choc dal dentista

«Mia moglie aggredita da un negro, l'ha sbattuta per terra»: il cartello choc dal dentista
di Domenico Zurlo

«Ieri mia moglie alle 12 al parco albanese (Bissuola) è stata aggredita da un negro che dopo averla sbattuta a terra ha cercato di rubarle il cellulare e la bicicletta»: questo cartello choc di avviso, appeso nell'ambulatorio di un dentista, il dottor Pierantonio Bragaggia di Mestre, ha scatenato le polemiche. Il dentista, come riporta La Nuova Venezia, ha firmato di suo pugno l'avviso raccontando quanto accaduto a sua moglie, definendo l'accaduto «inaccettabile».

«È stata salvata da un passante che si è messo a gridare - continua l’avviso - Ognuno tragga le proprie conclusioni da questo inaccettabile episodio, ma invito tutti a riflettere su quanto accaduto e soprattutto sulle responsabilità politiche di tutto questo». Ma alcuni pazienti sono rimasti colpiti dall'uso del termine 'negro': una signora ha postato la foto del cartello su un gruppo Facebook, mentre altri si sono rivolti a delle associazioni.



La notizia in breve ha fatto il giro del web suscitando molte reazioni, tra cui quelle del presidente dell'Ordine dei medici e degli odontoiatri della provincia di Venezia Giovanni Leoni. «Come medici per giuramento curiamo e accogliamo le persone indipendentemente dal colore, razza e professione - spiega - .L'attività delinquenziale è da condannare in senso lato, a prescindere dal colore della pelle. Il termine negro può essere inteso come dispregiativo».

Lo studente fa il ramadan, i compagni italiani posticipano la cena di classe. «Così puoi mangiare con noi»

Il dottor Bragaggia in compenso non si pente di quanto scritto e annuncia che stamane ha presentato denuncia per ciò che è accaduto. «Nel Devoto Oli negro vuol dire appartenente alla razza negra - sottolinea - perchè le cose vanno dette senza giri di parole. Se scrivevo straniero di colore poteva essere indiano, cinese, ma il mio intento - aggiunge - non è colpire chiunque, ce l'ho con lui, con quello che ha aggredito mia moglie».
Venerdì 13 Luglio 2018, 16:15 - Ultimo aggiornamento: 14-07-2018 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-07-14 15:23:34
Ma tu guarda quanti criminali seguono il mattino online....tantissimi si schierano con l’aggressore!
2018-07-13 22:08:52
POssibile non capita a un giudice,o a un politico sinistroide,solo per curiosita,per vedere çome la pensano dopo
2018-07-13 19:49:57
I finti catto-radical chic si saranno adombrati. Ma lo pensiamo tutti in realtà. E non è colpa del cittadino medio se questo è l'atteggiamento ostile.
2018-07-13 19:23:23
allora.. bisogna censurare la canzone di FAUSTO LEALI degli anni '60 "ANGELI NEGRI" oppure la scrittrice ADA NEGRI potrebbe essere oggetto di razzismo post mortem e cosi' via ..ma siamo seri!!
2018-07-13 18:10:17
siamo tutti buonisti...quando capita ad altri. Poi quando capita a te la reazione è diversa.

QUICKMAP