Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Monza, martellate alla figlia di 3 anni a Capodanno: «Sento le voci». Condannato a 12 anni

Domenica 5 Luglio 2015
Monza, martellate alla figlia di 3 anni a Capodanno: «Sento le voci». Condannato a 12 anni
​È stato condannato a 12 anni di reclusione e 3 anni di ricovero in una casa di cura un ucraino di 36 anni che la notte dello scorso Capodanno ha colpito alla testa con una martellata la figlia di tre anni, ferendola gravemente, a Busnago (Monza).



Dopo l'arresto l'uomo, Marchel Kaptar, aveva raccontato ai carabinieri di «sentire delle voci» che gli avrebbero «imposto» di aggredire la piccola, per «liberarla» da un male che l'avrebbe attanagliata.



Oggi il gup di Monza Alfredo De Lillo lo ha condannato per tentato omicidio, stabilendo una provvisionale di 10mila euro a favore della moglie e della figlia, parti civili nel processo con rito abbreviato.



Il giudice ha anche riconosciuto la seminfermità mentale dell'uomo, difeso dall'avvocato Filomena Fusco e attualmente detenuto nell'ex opg di Castiglione delle Stiviere (Mantova). L'ucraino avrebbe agito in preda a un raptus: è entrato nella cameretta della figlia armato di martello e l'ha colpita, sotto gli occhi della moglie.
Ultimo aggiornamento: 21:38
Potrebbe interessarti anche
caricamento