Roberta muore a 50 anni, la malattia l'ha uccisa in soli sei mesi

Venerdì 5 Giugno 2020
Roberta muore a 50 anni, la malattia l'ha uccisa in soli sei mesi
Una grave malattia l’ha portata via in soli sei mesi. Profonda commozione ha suscitato la notizia della prematura scomparsa di Roberta Padoan, che si è spenta, all’età di 50 anni, ieri mattina all’ospedale civile di Venezia, assistita, giorno e notte, dalla sorella Susanna e dal fratello Luca. Roberta Padoan ha rappresentato la buona accoglienza del Lido. Il volto sorridente e disponibile. E in questo suo impegno, personale e professionale, ha speso buona parte della sua vita. Al mattino per il caffè, o alla sera per l’orario dell’aperitivo, lei non dimenticava mai di donare un sorriso o una parola gentile per tutti. Anche quando i turni di lavoro erano lunghi e difficili.

Tredicenne scivola nel fiume mentre gioca con i compagni di scuola e annega sotto i loro occhi

Pedopornografia e droga, indagato Don Alberto Bastoni: «Cocaina nascosta nella teca delle ostie»



L’altra sua grande forza sono state le amiche e l’amato cane Ettore che, anche nei momenti più duri, la riempiva di gioia. Roberta era molto stimata e benvoluta nell’isola. Lavorava come cameriera: al bar “Maleti” in Gran Viale è rimasta in servizio per diversi anni, fino a gennaio 2019. Era una grande lavoratrice, amava e aveva molta attenzione per le piccole cose della vita quotidiana. Sentimenti testimoniati anche da molti messaggi di stima, e vicinanza alla famiglia, espressi sui social. I colleghi la ricordano con grande affetto, come una persona molto generosa e disponibile. Un esempio di professionalità. Per circa un anno, prima che la malattia manifestasse le sue prime avvisaglie, aveva lavorato al ristorante “da Mauretto” a Malamocco. Anche qui si era subito distinta per un carattere positivo e spirito di sacrificio. Nel momento in cui ha affrontato la malattia, il suo carattere discreto non ha perso la speranza e la voglia di lottare. Ha dimostrato grinta e coraggio, e ha potuto contare sui suoi familiari più stretti. Sperava di tornare presto al lavoro e nonostante fosse visibilmente provata, era capace di volare alto nelle idee e nei sentimenti. I funerali martedì alle 11 nella chiesa di San Nicolò al Lido.


 
 
 
 
Ultimo aggiornamento: 21:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA