Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piero Carletto, campione di canottaggio muore un anno dopo la moglie Lara: aveva 59 anni

Martedì 17 Maggio 2022 di Gabriele Pipia
Piero Carletto con l'amata moglie Lara

A poco più di un anno di distanza dalla scomparsa di sua moglie Lara,  è venuto a mancare all’affetto delle figlie Arianna e Alice dei suoi cari anche Piero Carletto, colpito da una grave malattia. Aveva 59 anni ed era dirigente della Arneg, azienda che si occupa di refrigerazione commerciale. Piero Carletto, ex atleta e socio della Canottieri Padova, nel 1988 ha partecipato ai Giochi Olimpici di Seul a bordo dell’ammiraglia azzurra, piazzandosi al settimo posto.

Grosseto, Sabrina Magrini muore a 52 anni dopo l'immersione in mare: era direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze

La carriera

Piero Carletto è ricordato come uno specialista dell’ammiraglia e per i risultati sportivi ottenuti ha ricevuto dal Coni le medaglie di bronzo e d’argento al Valore Atletico. Tra i grandi protagonisti in Maglia Azzurra degli anni ’80, bronzo ai Mondiali di Copenaghen 1987 in 8+ e capovoga dell’ammiraglia 7ª classificata alle Olimpiadi di Seoul 1988. Medaglia d’argento e di bronzo al Valore Atletico. «Il canottaggio Veneto e Nazionale ha perso un grande Campione ed un grande Uomo». 

Il Presidente del Comitato Regionale Veneto Sandro Frisiero l’ha voluto ricordare con queste parole: «Il Comitato Regionale con tutti i canottieri veneti esprimono il loro cordoglio alla famiglia Carletto e a tutti i parenti ed amici per la prematura scomparsa del nostro campione Piero. Abbracciamo Alice ed Arianna in questo momento difficile, le due più importanti vittorie di Piero e Lara, che oggi si ritrovano Angeli per vegliare sulle loro giovani vite. Perdiamo un Campione, ma è vivo il suo grande amore per la famiglia, per le persone, per il lavoro e per lo sport. La sua forza di volontà con la sua passione sarà esempio per noi, assieme al suo ricordo da custodire nei nostri cuori. Ciao Piero, continua a remare nelle acque degli spazi infiniti».

Ultimo aggiornamento: 16:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA