Navalny, sequestrati conti e casa a Mosca dopo la causa di risarcimento allo «chef di Putin»

Giovedì 24 Settembre 2020
Navalny, sequestrati conti e casa a Mosca

Le autorità giudiziarie russe hanno sequestrato i conti e l'appartamento moscovita di Alexei Navalny, nell'ambito della causa di risarcimento intentata da una delle compagnie dell'oligarca russo Yevgeny Prigozhin, soprannominato lo "chef di Putin" e legato alla fabbrica dei troll nonché alla compagnia di mercenari Wagner. Lo fa sapere la sua addetta stampa Kira Yarmush su Twitter.

LEGGI ANCHE Navalny dimesso dall'ospedale. Mosca: «È libero di tornare se vuole»

«Ciò significa che l'appartamento non può essere venduto, donato o ipotecato», ha spiegato. Prigozhin ha fatto causa a Navalny, al Fondo Anti-Corruzione (FBK) e a Lyubov Sobol per circa 1 milione di euro in seguito a una delle indagini di FBK sulle forniture (scadenti, secondo Navalny e soci) di cibo alle scuole moscovite.

Ultimo aggiornamento: 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA