Niccolò Bettarini, l'aggressione al figlio di Simona Ventura. I giudici: «Quelle coltellate potevano ucciderlo»

Lunedì 2 Dicembre 2019

Erano «idonei e diretti in modo non equivoco a cagionare la morte» di Niccolò Bettarini i 9 fendenti inferti al figlio di Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano Bettarini preso pure a calci e pugni la notte del primo luglio 2018 fuori dalla discoteca milanese 'Old Fashion'. Lo scrive la Corte d'Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui lo scorso 28 ottobre ha ridotto lievemente le pene rispetto al primo grado condannando tra i 5 e gli 8 anni di carcere i 4 giovani, processati con rito abbreviato per tentato omicidio.

Niccolò Bettarini indagato per diffamazione: insultò su Instagram il suo avvocato per la parcella
 

 

Secondo i giudici, gli aggressori hanno «agito allo scopo di provocare» a Bettarini jr «un male non commisurabile, sicuramente gravissimo», e colui che materialmente lo ha accoltellato «ha diretto, con sicura ed univoca volontà i colpi alla parte superiore del corpo, ove sono collocati» gli «organi vitali». Il figlio della conduttrice, osserva la corte, non è morto grazie ai «movimenti» e alla sua «corporatura molto robusta» e per l'intervento «in suo soccorso» di alcuni amici.

Ultimo aggiornamento: 13:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA