Omar Confalonieri, la vittima drogata e violentata: «Era molto strano, speravo l'aperitivo finisse»

Martedì 9 Novembre 2021
Omar Confalonieri, la vittima drogata e violentata: «Era molto strano, speravo l'aperitivo finisse»

«Confalonieri era molto strano e speravamo che quell'aperitivo finisse quanto prima». Lo hanno detto i coniugi vittime di Omar Confalonieri, l'agente immobiliare di 48 anni finito in carcere per averli storditi con farmaci e aver abusato della donna. L'uomo, con ufficio in via Montenapoleone a Milano, aveva voluto incontrarli con la scusa di parlare dell'acquisto di un box: invece ha sciolto farmaci a base di benzodiazepine nei drink e li ha sequestrati per ore nella loro abitazione, abusando della donna mentre la figlioletta di soli 8 mesi è stata lasciata sola per tutto il giorno.  

Omar Confalonieri, la droga e poi lo stupro: così l'agente immobiliare abusava delle sue clienti

Omar Confalonieri, agente immobiliare di via Monte Napoleone droga una coppia e violenta la donna

La testimonianza

«Non si parlava assolutamente dell'argomento immobiliare, che era alla base del nostro incontro: non aprivamo l'argomento perché avevamo notato che Confalonieri era molto strano e quindi eravamo molto a disagio, sperando che quell'aperitivo finisse quanto prima», ha spiegato la donna. Ai due, come emerge dai verbali contenuti nell'ordinanza del gip Pepe emessa su richiesta dell'aggiunto Mannella e del pm Menegazzo, era venuto il sospetto, proprio nel corso di quell'aperitivo in un bar vicino alla loro casa e durante il quale avrebbero dovuto discutere di una compravendita di un box, che Confalonieri si stesse comportando in modo strano.

La trappola di Confalonieri

Il 48enne, tuttavia, era già riuscito, come documentato pure dalle immagini delle telecamere di sorveglianza del locale, ad iniettare con una siringa il farmaco nei due cocktail, andandosi a prendere i drink direttamente al bancone, mentre i gestori si lamentavano proprio di questo comportamento. E la coppia subiva già i primi potenti effetti del farmaco. Confalonieri «era nervoso, sudava in modo vistoso, fumava continuamente e sembrava che avesse già bevuto o assunto qualche sostanza», hanno messo a verbale dei testimoni. Tra l'altro, dagli atti dell'inchiesta dei carabinieri risulta pure che, dopo gli abusi subiti a casa, la donna sarebbe stata portata da Confalonieri anche nella sua abitazione. La vittima ricorda «di essere entrata nell'abitazione dell'uomo, ma non sapeva riferire che cosa fosse accaduto».

L'Aquila, ragazzina di 15 anni denuncia l'amico: «Mi ha stuprata». Lui sfugge al linciaggio

Un altro caso sospetto a Bergamo

Spunta un caso sospetto anche a Bergamo di una giovane narcotizzata e poi violentata nel 'curriculum' criminale dell'agente immobiliare. Gli atti del procedimento, che è stato però archiviato, sono stati chiesti oggi dal pm Alessia Menegazzo e dall'aggiunto Letizia Mannella ai colleghi bergamaschi. Gli inquirenti milanesi, inoltre, stanno ricostruendo tutti i contatti dell'uomo per accertare se ci siano altre le vittime, oltre a quella per cui è stato condannato a Monza e alle due ragazze che si sono già fatte avanti.

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 08:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA