Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio Cerciello, il legale della vedova: «Elder e Hjorth sono assassini scaltri e lucidi»

Giovedì 24 Febbraio 2022
Omicidio Cerciello, il legale della vedova: «Elder e Hjorth sono assassini scaltri e lucidi»

«Lee Elder Finnegan e Gabriel Natale Hjorth hanno scelto la violenza come stile di vita, il loro destino era già scritto nelle foto trovate nei loro cellulari, immagini in cui Natale appare con pistole e mitragliette, armi vere, con le quali si allenava nelle cave di tufo, e poi le foto in cui si mostra una quantità spropositata di denaro. Quanto a Elder, con un'adolescenza anche più turbolenta, lui aveva sul telefonino le foto in cui punta il coltello alla gola della fidanzata».

 

Leggi anche > Lavinia, paralizzata per un incidente all'asilo: dopo quattro anni il processo ancora deve iniziare

 

Così l'avvocato Massimo Ferrandino, legale di Rosa Maria Esilio, vedova di Mario Cerciello Rega, nel suo intervento nel processo di appello che vede imputati Gabriel Natale Hjorth e Finnegan Lee Elder, già condannati in primo grado all'ergastolo per l'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri ucciso con undici coltellate il 26 luglio del 2019 a Roma. 

 

«I due americani sono scaltri e lucidi - ha aggiunto il legale -. Dai momenti della trattativa per acquistare la droga a Trastevere a quando in Prati preparano un agguato, accovacciati tra le macchine. Sono ragazzi di 19 anni, e a omicidio avvenuto rientrano nella loro stanza d'albergo, alzano i pannelli del soffitto e gettano dentro il coltello avvolto in un asciugamano. Questi due, per un loro 'gioco', hanno ammazzato Cerciello Rega.

 

Lui invece non era né scaltro né furbo, ma era un carabiniere intelligente, con una famiglia umile e orgogliosa di avere fra loro un componente delle forze ordine, questa è la famiglia Cerciello, una famiglia italiana», ha concluso Ferrandino. 

 

Il sostituto procuratore generale Vincenzo Saveriano, in conclusione della sua requisitoria all'udienza dello scorso 10 febbraio, ha chiesto di confermare l'ergastolo per Lee Elder Finnegan, che ha materialmente accoltellato Cerciello Rega, e ridurre a 24 anni la condanna per Gabriel Natale Hjo.

Ultimo aggiornamento: 20:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA